Giornalista pubblicista freelance, quanto costa un articolo?


Giornalista




Il giornalista pubblicista è colui che, accanto alla professione di giornalista, può svolgere anche altri lavori. Quindi, a differenza del giornalista professionista, manca il carattere dell’esclusività e della continuità dell’attività giornalistica. Con l’avvento di Internet e con la difficoltà di trovare lavoro, sempre più giovani decidono di diventare giornalisti freelance.

Questi giornalisti freelance possono diventare giornalisti professionisti seguendo l’iter specifico per l’iscrizione all’Albo dei giornalisti professionisti. Nello specifico, possono iscriversi al registro dei praticanti e iniziare il periodo di pratica di 18 mesi necessario per poter poi sostenere l’esame abilitativo per l’iscrizione all’Albo dei giornalisti.

Giornalisti freelance, come svolgono il proprio lavoro

I requisiti con cui i giornalisti freelance possono iscriversi al registro dei praticanti sono:

  • iscrizione all’albo come pubblicista (a questo proposito, bisogna aver svolto almeno per 2 anni attività giornalistica non occasionale e questa deve essere stata retribuita regolarmente);
  • aver avuto rapporti di collaborazione coordinata e continuativa con una o più testate per almeno tre anni;
  • poter documentare la propria attività giornalistica;
  • attestati di frequenza di seminari organizzati dal Consiglio Nazionale dell’Ordine dei Giornalisti o di corsi di formazione organizzati dai Consigli regionali.

Un giornalista freelance, dunque, è un collaboratore che presta la propria attività giornalistica in modo autonomo ed indipendente senza essere subordinato ad orari di lavoro o alla presenza in redazione. Tuttavia, come visto, può diventare un giornalista professionista vero e proprio.




I guadagni di  un giornalista

Per quanto riguarda i guadagni dei giornalisti freelance, si tratta di compensi a volte irrisori alle quali comunque dovranno essere tolti i contributi, le tasse, le spese per l’assicurazione medica e quelle per la formazione.

Il Sindacato dei giornalisti ha firmato un accordo circa i compensi equi (cioè le tariffe minime) per i giornalisti freelance, fissandoli a 20,8 euro lordi per un pezzo per i quotidiani e 6,25 euro per le agenzie: si tratta di cifre che per molti sono considerate veramente irrisorie.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.