Giornalista pubblicista e giornalista professionista ci sono differenze?


Giornalista




Sempre più giovani vogliono intraprendere la carriera da giornalista. Esistono due tipologie di giornalisti: i professionisti e i pubblicisti. I giornalisti professionisti sono coloro che svolgono, in maniera esclusiva e continuativa, la professione di giornalisti. Per diventare un giornalista professionista, occorre sostenere e superare l’esame di Stato professionale per l’iscrizione all’Albo dei giornalisti.

Giornalista, procedure diverse a seconda della città

Per poter sostenere tale esame, l’aspirante giornalista deve svolgere un periodo di pratica della durata di 18 mesi presso una redazione giornalistica e frequentare un percorso di preparazione promosso dal Consiglio Nazionale o Regionale dell’Ordine dei Giornalisti oppure frequentare un biennio presso una scuola di giornalismo.

In alternativa, dopo aver conseguito il titolo di laurea (non è necessario aver frequentato una facoltà specifica), deve aver frequentato una scuola o un master in giornalismo.  In entrambi i casi, l’esame di Stato finale per poter svolgere la professione, consta di una prova scritta e di una orale. I giornalisti pubblicisti, invece, sono coloro che, oltre a svolgere la professione di giornalisti, possono svolgere anche altri lavori.

Come si diventa pubblicista

In particolare, per poter diventare giornalista pubblicista, è necessario aver svolto attività giornalistica retribuita e continuativa per almeno 24 mesi: questa attività può essere svolta per una o più testate giornalistiche (sul web, carta stampata o anche radiotelevisiva) che siano regolarmente registrate e dirette da una persona iscritta all’Albo dei giornalisti. Per diventare un giornalista pubblicista e iscriversi all’elenco dei giornalisti pubblicisti, non bisogna sostenere alcun esame, tuttavia, è necessario:




  • possedere determinati requisiti di legge;
  • presentare la fotocopia del contratto di collaborazione con le testate per le quali si collabora;
  • presentare la documentazione delle retribuzioni ricevute negli ultimi 24 mesi (in regola con le norme fiscali);
  • presentare gli articoli (a firma del richiedente) e i certificati dei direttori delle pubblicazioni (per comprovare la regolare retribuzione negli ultimi 24 mesi).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.