Anticipo TFR, l’azienda può rifiutare?


Anticipo TFR, l’azienda può rifiutare




L’anticipo del TFR è un diritto del lavoratore nel momento in cui vengano rispettate determinate regole, stabilite dalla legge. Il datore di lavoro però ha anche la facoltà di rifiutare la richiesta di anticipo del TFR, quando sussistono le seguenti condizioni:

  • Azienda con meno di 25 dipendenti;
  • Limite del 10% degli aventi diritto e del 4% complessivo abbiano fatto richiesta nello stesso anno;

Il datore di lavoro può rifiutare l’anticipo TFR

Inoltre, il datore di lavoro può rifiutare l’anticipazione se il lavoratore sta lavorando da meno di 8 anni con la sua azienda. L’anticipo del TFR viene rilasciato nel momento in cui vi sia una giusta causa per la sua richiesta. Il lavoratore infatti ha la possibilità di ricevere tale anticipo qualora la somma versata sia necessaria per l’acquisto della prima casa per lui o per i suoi figli, al fine di sostenere spese medico sanitarie, per far fronte a specifiche spese durante un periodo di congedo. In assenza di tali necessità che determinano la giusta causa, per legge, l’azienda non accetta la richiesta di anticipo del TFR.

TFR, quanto tempo occorre per l’accredito dopo il licenziamento




Il TFR è il trattamento di fine rapporto che spetta a tutti i lavoratori al termine del lavoro, sia esso avvenuto per licenziamento o dimissioni. L’anticipazione non può essere oltre il 70% di tale somma spettante al lavoratore e viene detratta dal totale che il lavoratore stesso percepirà alla fine del rapporto di lavoro.

Il fatto che l’azienda abbia la facoltà di rifiutare la domanda di anticipazione del TFR è stabilito dalla legge, al fine di tutelare anche il datore di lavoro e la presenza di liquidità nel bilancio aziendale.

Qualora invece sussistano le condizioni previste dalla legge per l’anticipazione del TFR, l’azienda non può negare la richiesta al proprio dipendente.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.