Malattia lavoro tempo determinato, si rischia il posto?


Malattia lavoro tempo determinato, si rischia il posto?




Tutti i lavoratori hanno gli stessi diritti a prescindere dal tipo di contratto, in caso di necessità, alla malattia lavoro, ovviamente il trattamento economico e non solo può essere diverso in base alla tipologia di contratto che lo lega ad una società.

Per quanto concerne i lavoratori con contratto a termine, il trattamento economico di malattia lavoro spettante si determina con i medesimi criteri validi per la generalità dei dipendenti dal contratto collettivo applicato, dovendo quindi rispettivamente: moltiplicare la retribuzione media giornaliera, per la percentuale pagata dall’INPS che risulta differente a seconda del settore lavorativo e del periodo indennizzato, nella maggior parte dei casi, 0% per i primi 3 giorni, 50% dal quarto al 21esimo giorno, 66,66% dal 21esimo giorno fino al termine del periodo indennizzabile o della malattia,  per il numero di giornate indennizzate.

Malattia lavoro, il certificato

Per la quasi totalità delle ipotesi, i contratti collettivi stabiliscono un’integrazione a carico del datore di lavoro,
fino al 100% della retribuzione.

Il procedimento per richiedere il certificato Inps è lo stesso dei lavoratori che hanno un contratto indeterminato o a termine.
Il consiglio è quello di contattare in primis l’azienda per comunicare la propria assenza.




Successivamente bisogna richiedere il certificato medico. Per ottenerlo il proprio medico di base deve visitare il lavoratore per stabilire l’effettiva presenza del malanno e i tempi di recupero.

Nelle 24 ore successive alla visita, il medico di famiglia deve inviare il certificato medico di malattia in modalità telematica direttamente all’Inps. Il datore collegandosi all’apposita piattaforma potrà prendere visione del certificato Inps  anche al fine di richiedere l’eventuale visita fiscale.

Il medico, laddove lo ritenesse necessario e solo dopo un’altra visita al paziente, potrebbe decidere di prolungare malattia nel caso in cui il lavoratore sia ancora impossibilitato a svolger pienamente il proprio lavoro.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.