Assenza dal lavoro per malattia, dopo quanto scatta il controllo?


Assenza dal lavoro per malattia, dopo quanto scatta il controllo?




La visita fiscale consiste in un accertamento medico del lavoratore dipendente che ha prodotto idonea documentazione atta a giustificare la propria assenza dal lavoro per malattia. Tale accertamento viene effettuato da un medico incaricato dall’INPS allo scopo di verificare le condizioni di quest’ultimo e la sua temporanea inidoneità al lavoro.

La visita fiscale può essere effettuata fin dal primo giorno di malattia da parte del medico incaricato, a seguito della comunicazione da parte del lavoratore della propria condizione all’ente previdenziale e al proprio datore di lavoro.

L’accertamento sanitario può essere ripetuto tutti i giorni (compresi i festivi) durante il periodo di prognosi e lo stesso giorno negli orari stabiliti dalla normativa:

  • dalle 09:00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 18:00 per i dipendenti del settore pubblico.
  • Dalle 09:00 alle 12:00 e dalle 15:00 alle 17:00 per quelli del privato.

Controllo fiscale: Il lavoratore dipendente e i suoi adempimenti.

Al fine di favorire l’accertamento da parte dell’istituto previdenziale, il lavoratore dipendente, sia pubblico che privato, è tenuto:




  • Indicare l’indirizzo di reperibilità se diverso dal domicilio o dalla residenza nella certificazione da inviare. Nel caso di cambio dell’indirizzo durante il periodo di prognosi, egli è tenuto a comunicarlo tempestivamente sia all’ente previdenziale che al datore di lavoro.

Vi sono casi in cui l’assenza del lavoratore dipendente al controllo fiscale sia giustificata o esonerata e questi sono:

  • indicazione nel certificato medico di malattia del codice E nei casi previsti (attacchi di panico o depressione) da parte del medico che lo emette.
  • prescrizione medica di allontanamento temporaneo del lavoratore finalizzato a favorirne la guarigione.
  • ricovero ospedaliero.
  • presenza di patologia grave che richieda cure salvavita. 

Controllo fiscale e assenze del lavoratore dipendente

Quando si parla di assenza ingiustificata o giustificata di un lavoratore dipendente si può far riferimento a diversi casi come:

  • acquisto farmaci.
  • visita sanitaria
  • ritiro referti
  • cure dentarie.
  • visite a parenti ricoverati

In tali casi, l’assenza temporanea dall’indirizzo di reperibilità fornito deve essere comprovata. Per l’assenza ingiustificata invece:

  • 100% della decurtazione della retribuzione per i primi 10 giorni.
  • 50% per i successivi.

In tal caso, il lavoratore ha 15 giorni di tempo per presentare eventuali giustificazioni per la sua assenza dall’indirizzo fornito.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.