Legge 104, diritti e doveri del lavoratore


Legge 104, diritti e doveri del lavoratore, ecco cosa c'è da sapere




La legge 104 / 1992, più comunemente conosciuta come legge 104, regolamenta la fruizione dei permessi dal lavoro per i portatori di handicap grave, oppure per lavoratori dipendenti che abbiano parenti o affini certificati con grave handicap. Grazie a questa legge è possibile che un soggetto, assunto con contratto di lavoro dipendente, si assenti dal lavoro per un massimo di 3 giorni al mese (anche frazionabili in ore) per dedicarsi all’assistenza del familiare certificato (ed in possesso) di handicap grave.

I requisiti principali, quindi, per beneficiare degli effetti della l. 104, ruotano – fondamentalmente – attorno a due parametri (la tipologia di contratto lavorativo e la certificazione di handicap, più o meno grave, dell’assistito). È però informarsi prima di tutto leggendo cosa prevede il contratto di lavoro sui diritti e doveri legge 104.

Legge 104, diritti dei lavoratori ma attenzione ai doveri

I diritti che spettano al lavoratore dipendente (non autonomo) si sostanziano nel numero di due (che
sono i principali) e vengono tutti regolamentati dalla legge 104. Se diamo un’occhiata al testo della legge
notiamo come questa si esplichi essenzialmente nella scelta della sede di lavoro e nell’ottenimento dei permessi retribuiti. Per quanto riguarda la prima, il lavoratore dipendente che assiste una persona (parente o affine) con handicap ha diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina alla casa del soggetto da assistere – con tutte le eccezioni del caso.

Per la seconda, invece, il lavoratore dipendente che assiste una persona con handicap grave, secondo i requisiti elencati sopra, ha diritto a 3 giorni retribuiti di permesso dal lavoro ogni mese. Si noti che questi giorni sono anche divisibili in ore singole, doppie, ovviamente giornaliere.




Uno dei doveri che la legge 104 attribuisce al datore di lavoro è proprio l’impossibilità di rifiutare la
concessione del permesso nei confronti del lavoratore dipendente che lo richiede; d’altra parte,
quest’ultimo ha l’obbligo di comunicare – con discreto anticipo, al proprio datore di lavoro – la volontà di
usufruire dei permessi retribuiti.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.