Legge 104, quando l’obesità diventa un handicap


Legge 104, quando l’obesità diventa un handicap




Quando si parla di obesità, a differenza del sovrappeso, si sta parlando di una patologia. Questa patologia colpisce le persone che abbiano un indice di massa corporea superiore a 30 nel caso fosse invalidante si ha diritto ad ottenere la legge 104.

Chi è obeso non ha problemi legati solo all’aspetto estetico ma anche alla salute poiché per queste persone c’è un maggior rischio di contrarre patologie cardiovascolari, incontrare problemi di mobilità o difficoltà nel compiere le normali attività della vita.

Legge 104 solo dopo l’accertamento di un handicap

Ai fini della Legge 104, occorre verificare se alla persona obesa sia riconosciuto lo stato di handicap: soltanto in questo caso spettano le agevolazioni previste dalla normativa.

Quindi, bisogna distinguere il caso in cui la persona obesa sia riconosciuta:




  • invalida, quando per via dell’obesità ci sia una riduzione della sua capacità lavorativa oppure, nel caso in cui non sia in età lavorativa, della sua capacità di svolgere le normali funzioni della sua età;
  • portatrice di handicap, nel caso in cui l’obesità comporti uno svantaggio sociale e, quindi, una limitazione nello svolgimento dei lavori o dei rapporti sociali quotidiani (sia per la ridotta mobilità sia per aspetti psicologici che comportano disagio nelle relazioni con gli altri);
  • non autosufficiente se, a causa dell’obesità, sia impossibile svolgere le normali attività della vita quotidiana senza assistenza permanente.

Quindi, quando l’obesità diventa un handicap?

L’obesità diventa un handicap nel momento in cui comporta difficoltà nell’apprendimento, nel relazionarsi con gli altri o nell’integrarsi, ad esempio, nel luogo di lavoro.

Infatti, invalidità ed handicap sono due cose differenti.

Il portatore di handicap presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabile o progressiva che comporta, appunto, difficoltà nell’apprendimento, nelle relazioni e nell’integrazione con gli altri.

Invece, quando si parla di invalidità, per chi ha un IMC tra 35 e 40, la percentuale di invalidità è predeterminata (31-40%) mentre per chi ha un IMC superiore a 40, bisogna sottoporsi ad un accertamento per verificare l’effettiva perdita di capacità lavorativa.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.