Legge 104 per obesità è possibile richiederla?


Legge 104 per obesità è possibile richiederla




L’obesità viene considerata la patologia di coloro che hanno un indice di massa corporea (IMC) superiore a 30. Infatti, i problemi legati all’obesità non sono solo di natura estetica: i soggetti obesi presentano anche un maggior rischio di contrarre patologie cardiovascolari o di avere problemi di mobilità o minore agilità nello svolgere le normali attività della vita.

L’obesità è una patologia invalidante

Considerando che l’obesità è una patologia invalidante, è possibile richiedere le agevolazioni della Legge 104? In effetti, alle persone colpite da obesità grave, può essere riconosciuta l’invalidità, l’handicap o la non autosufficienza.

In particolare, una persona obesa acquisisce lo status di:

  • invalido, se a causa dell’obesità si riscontra una riduzione della sua capacità lavorativa.

Nel caso in cui si tratti di una persona non in età lavorativa, non si fa riferimento alla sua capacità di svolgere un lavoro ma a quella di svolgere le funzioni tipiche della sua età.




  • Portatrice di handicap, quando l’obesità causa uno svantaggio sociale e quindi il soggetto presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale.

Quando cioè l’obesità comporta una limitazione nello svolgimento del lavoro o dei rapporti sociali.

  • Non autosufficiente, se a causa dell’obesità è impossibile, per questa persona, compiere le attività normali della vita quotidiana senza assistenza permanente.

Chi può beneficiare delle agevolazioni della Legge 104

Possono beneficiare delle agevolazioni della Legge 104 le persone a cui sia stato riconosciuto l’handicap di obesi. Queste persone hanno anche diritto a ricevere tutele specifiche per la loro condizione come il divieto assoluto di essere vittime di discriminazione, diretta o indiretta, per via della loro obesità.

Ancora, il datore di lavoro deve mettere in atto tutte le misure necessarie per consentire al lavoratore disabile di poter svolgere al meglio il proprio lavoro, anche cambiando la sua mansione, se necessario. Infine, il lavoratore obeso riconosciuto invalido, non computa le assenze per malattia nel periodo di comporto (se sono collegate allo stato di invalidità riconosciuta).



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.