Lavoro in proprio, cos’è un business plan


lavoro in proprio business plan




Dopo aver scandagliato il web e scoperto il miglior ramo per iniziare il lavoro in proprio, è bene partire con il piede giusto e verificare spese e guadagni. Chiunque lavori in proprio o voglia iniziare a farlo, sa che è una scelta che richiede molto coraggio ma, anche e soprattutto, di avere ben chiaro cosa si andrà a fare. 

E’ necessario anche avere gli strumenti giusti: uno di questi è il business plan o il piano di impresa che descrive dettagliatamente l’attività che si vuole porre in essere.

Lavoro in proprio, scegliere bene e fare bene i conti

Si fa riferimento quindi anche alla fattibilità di questa attività a livello economico e finanziario, infatti, il business plan viene richiesto sempre più spesso dalle banche quando devono erogare dei finanziamenti.

Le informazioni che devono essere contenute all’interno del business plan sono:




  • informazioni sul mercato e sul settore in cui si opererà, con previsioni di mercato attendibili;
  • fattibilità economica e finanziaria dell’iniziativa, cioè il capitale iniziale da investire nell’attività.

Insomma, tutte informazioni che facciano intuire che il lavoratore abbia le idee chiare delle attività che voglia porre in essere.

Per redigere un ottimo business plan, è necessario passare per tre fasi:

  1. la ricerca, con riferimento al ricercare le informazioni o i dati che possano indurre l’imprenditore a riflettere e, quindi, anche le motivazioni che lo spingono a mettersi in proprio e a dare origine ad un’attività di impresa;
  2. l’analisi, con riferimento allo studio attento del mercato e del settore in cui si andrà ad operare;
  3. le strategie, le vere e proprie basi su come avviare l’impresa e mantenerla sul mercato (con riferimento, ad esempio, ai prodotti da offrire o le strategie commerciali da mettere in atto).

In definitiva, gli argomenti che un business plan deve trattare sono:

  • informazioni sull’imprenditore, sull’impresa e sulla compagine sociale dell’attività;
  • descrizione dettagliata dei servizi e dei prodotti che offrirà;
  • analisi del mercato e della concorrenza;
  • strategie di marketing da adottare;
  • piano degli investimenti;
  • conto economico previsionale e calcolo del punto di pareggio.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.