Vertenza sindacale, quando può essere fatta?


Vertenza sindacale, quando può essere fatta?




La vertenza lavoro è uno degli strumenti più validi e importanti per i lavoratori per far valere i propri diritti. In questo modo i dipendenti possono evitare importanti problematiche come quella del lavoro nero o della mancanza di pagamenti. Per presentare la vertenza sindacale lavoro ci si affida al sindacato di categoria che provvederà a contattare il datore di lavoro per capire le problematiche e trovare la soluzione migliore per il lavoratore.

Esistono diversi motivi per fare una vertenza sindacale come ad esempio: il mancato pagamento dello stipendio mensile, l’incentivo a firmare una busta paga con importo diverso da quello percepito, l’incoraggiamento a sottoscrivere rinunce o fogli in bianco. In casi di anomalie relativi a ferie e permessi. Ad esempio se il lavoratore non ne ha usufruito nella misura in cui ne aveva diritto o non percepisce alcuna retribuzione. Nei casi di malattia o infortunio. Se al lavoratore non sono state riconosciute in tutto o in parte tali indennità.

Vertenza sindacale in caso di astensione obbligatoria o facoltativa per maternità

In caso di anomalie relative alle ore di straordinario. Se il lavoratore non ha percepito il relativo compenso. In caso in cui il lavoratore sia stato licenziato senza preavviso e non ha percepito la relativa indennità sostitutiva. Se il lavoratore non ha percepito il pagamento del trattamento di fine rapporto. Come detto il sindacato convoca il datore di lavoro per trovare la soluzione giusta per il lavoratore.

Se la conciliazione riesce, il collegio di conciliazione costituito presso l’ufficio del lavoro redige un verbale sottoscritto dalle parti in cui appaiono gli elementi della conciliazioni oppure formula una proposta. Se la conciliazione non riesce si ha il ricorso giudiziario. Il sindacato trasmette la pratica ad un legale convenzionato. Il costo della procedura della vertenza lavoro consiste nell’iscrizione al sindacato e al corrispettivo spese. Questa va in prescrizione dopo ben 5 anni.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.