Part Time per legge 104 è obbligatorio?


Part Time per legge 104 è obbligatorio?




La legge 104 concede giorni e ore di permesso anche per i lavoratori con contratto part time. Chi assiste un familiare con handicap ha diritto a tre giorni al mese di permessi retribuiti dal lavoro. Sul part time 104 è intervenuta la Cassazione con una sentenza che si è espressa sul part time verticale, quello cioè in cui il dipendente lavora tutta la giornata come un dipendente a tempo pieno, ma non tutti i giorni della settimana.

Secondo la  pronuncia della Cassazione, il lavoratore con contratto part time ha diritto a tre giorni di permesso al mese per assistere il parente disabile il lavoratore che osserva un orario part time verticale dal lunedì al giovedì, dalle 8,30 alle 14,30. Questo perché la prestazione ridotta dal tempo parziale non può comprimere i diritti del dipendente che non hanno natura patrimoniale.

Part time e diritti del disabile

La minore entità dell’attività lavorativa erogata non può andare a svantaggio dei diritti del disabile che la legge 104 mira a tutelare. Dunque i tre giorni pieni di permesso dal lavoro vanno a beneficio anche di chi chi lavora non tutta la settimana, a condizione però che si tratti di un numero di giornate superiore alla metà dell’ordinario. La corte, infine, ha ricordato che il testo unico sul part time impone la non discriminazione tra i lavoratori a tempo pieno e quelli a tempo parziale: quest’ultimo, in particolare, non deve ricevere un trattamento meno favorevole rispetto al lavoratore a tempo pieno.

La richiesta part time può essere effettuata per tutti i settori e le tipologie di lavoro e può essere proposto sia ai lavoratori disoccupati, sia a quelli con un altro lavoro o che sono in sostituzione maternità, sia i lavoratori che si trovano in mobilità.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.