Contratto di apprendistato 2018, novità per giovani e aziende


Contratto di apprendistato 2018, novità per giovani e aziende




Il contratto di apprendistato è uno dei contratti più conosciuti in Italia. E’ un contratto infatti che permette ad un’azienda di formare un ragazzo giovane assumendolo con un contratto a tempo determinato per poi assumerlo s esistono i presupposti  con un normale contratto a tempo indeterminato. È un contratto che aiuta tantissimo le aziende a formare i ragazzi per poi portarli in modo permanente all’interno della stessa azienda con tanto di qualifica. Per questo spesso  il contratto di apprendistato viene poi tramutato in contratto a tempo indeterminato, visto che l’azienda ha investito fortemente su una risorsa ma anche e soprattutto per gli sgravi e benefici fiscali per l’azienda stessa.

Contratto di apprendistato come funziona?

Rispetto agli scorsi anni i contratti di apprendistato hanno avuto qualche rivisitazione diventando più flessibili e aiutando il datore di lavoro dal punto di vista fiscale. Il funzionamento è semplice. Rispetto ai contratti di lavoro normali il contratto di apprendistato prevede la presenza di un tutor. Il tutor in questo caso  formerà il dipendente assunto con il contratto di apprendistato. La formazione è obbligatoria e alla fine di questa formazione, quindi nello specifico, alla fine dei tre anni tanto dura l’apprendistato, ci sarà una qualifica da conseguire. Tra l’altro l’azienda è obbligata a formare il dipendente: in caso di mancata formazione e successiva qualifica l’azienda avrà una sanzione molto salata.

Contratti di apprendistato: quanto durano?

Un individuo fiscalmente ha la possibilità di fare 36 mesi totali con un contratto di apprendistato.
Questo significa che se con un’azienda ha stipulato un contratto di apprendistato di solamente due
mesi, nel corso degli anni potrà stipulare un altro contratto di apprendistato di massimo 34 mesi. Allo
scadere dei 36 mesi l’azienda può scegliere se rinnovare il contratto al dipendente passando a tempo
indeterminato
. L’azienda può anche scegliere di non rinnovare il contratto. Lo stesso vale per il
dipendente. Allo scadere dell’ apprendistato anche il dipendente è libero di scegliere se continuare o
meno il suo rapporto lavorativo all’interno dell’azienda.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.