Caporalato, come si può contrastare


Caporalato




Il caporalato è un triste fenomeno molto presente in Italia che consiste nello sfruttamento della manodopera a basso costo in diversi settori ma soprattutto in quello agricolo e prevalentemente a discapito di lavoratori extra comunitari.

In pratica un soggetto, detto caporale, si occupa di raggruppare tutta la manodopera da smistare fra i vari campi agricoli o cantieri, contrattando con le aziende il costo per ogni lavoratore.

Di questo denaro gran parte va nelle tasche del caporale

Di questo denaro gran parte va nelle tasche del caporale mentre ben poco rimane ai lavoratori che, per questo, vengono sfruttati, dovendo lavorare per intere giornate in condizioni sovrumane percependo una miseria.

Si stima che in Italia il fenomeno del caporalato riguardi circa 400 mila lavoratori, sia italiani che stranieri, e che sia diffuso in tutte le aree del Paese.




Il caporalato è annoverato fra i reati penali ed è punito con la reclusione in carcere dai 5 agli 8 anni e una multa dai 1000 ai 2000 euro per ogni lavoratore che viene sfruttato.

Ma come si può contrastare questo triste fenomeno?

Alla Camera dei Deputati sono stati stabiliti 12 principali filoni di intervento:

  • la riscrittura del reato di caporalato (intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro), che introduce la sanzionabilità anche del datore di lavoro
  • l’applicazione di un’attenuante in caso di collaborazione con le autorità
  • l’arresto obbligatorio in flagranza di reato
  • il rafforzamento dell’istituto della confisca
  • l’adozione di misure cautelari relative all’azienda agricola in cui è commesso il reato
  • l’estensione alle persone giuridiche della responsabilità per il reato di caporalato
  • l’estensione alle vittime del caporalato delle provvidenze del Fondo antitratta
  • il potenziamento della Rete del lavoro agricolo di qualità, in funzione di strumento di controllo e prevenzione del lavoro nero in agricoltura
  • il graduale riallineamento delle retribuzioni nel settore agricolo

Per contrastare il caporalato si dovrebbe avere una maggiore presenza di ispettori del lavoro e di istituzioni (Comune, carabinieri, Guardia di finanza).

Poi si dovrebbe agire sui proprietari terrieri, favorendo l’emergere di alternative, aiutando cioè chi vuole organizzare questa produzione in maniera legale, e contemporaneamente fare più controlli.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.