Caporalato, dove è più diffuso?  


Caporalato




Il caporalato è un triste fenomeno che consiste nello sfruttamento della manodopera a basso costo soprattutto nei settori agricolo, dei traporti, della logistica, dell’edilizia ma anche del volantinaggio, dei distributori di benzina, degli autolavaggi, del turismo, del tessile e molto altro.

Lo sfruttamento si sostanzia in forme illegali

Lo sfruttamento si sostanzia in forme illegali di intermediazione, reclutamento e organizzazione della manodopera.

Il reclutamento avviene ad opera del caporale che raccoglie la manodopera da smistare fra i vari campi e cantieri contrattando con le aziende un costo per la manodopera, la cui parte principale spetterà a lui e solo una piccolissima parte ai lavoratori (da qui lo sfruttamento).

Il caporalato viola varie regole in materia di lavoro, ad esempio quelle che riguardano le ore lavorative, i contributi previdenziali e i minimi salariali, ma anche la salute e la sicurezza sul lavoro.




Si stima che in Italia siano circa 400 mila i lavoratori coinvolti nel caporalato, di cui l’80% lavoratori migranti che, nonostante le pessime condizioni di lavoro, si vedono costretti ad accettare questa situazione pur di sopravvivere.

I lavoratori italiani sono meno ma sono sia uomini disoccupati con moglie e figli che donne o minorenni.

Con la pandemia da Coronavirus

Con la pandemia da Coronavirus molti italiani, per far fronte alla disoccupazione e alle difficoltà economiche, si sono visti costretti ad accettare impieghi sotto caporale per poter andare avanti.

Sebbene in un primo momento il caporalato interessasse soprattutto le zone del Mezzogiorno, oggi è un fenomeno diffuso tanto nel Nord quanto nel Sud Italia.

Secondo delle stime dell’Osservatorio Placito Rizzotto, le aree più colpite si trovano in Veneto e Lombardia (in particolare le aree di Mantova e Brescia), Emilia Romagna, Lazio (soprattutto la provincia di Latina) e Toscana (intorno a Prato).

A sud, le regioni in cui si sente più spesso parlare di situazioni di caporalato sono invece Calabria, Puglia e Sicilia.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.