Il product manager: chi è, di cosa si occupa, quanto guadagna


Foto di fauxels da Pexels




La figura del Product Manager è sempre più richiesta dalle aziende di ogni settore, perché riveste un ruolo strategico fondamentale in ogni campagna di marketing, incluso quello innovativo applicato all’e-commerce.

Quello del product manager è un profilo complesso, in quanto il professionista si occupa di tutto il processo di vita di un prodotto – o di un servizio digitale, visto che si parla anche dell’e-commerce – dal suo lancio sul mercato al suo restyling.

L’obiettivo ultimo dell’attività del product manager corrisponde a quello aziendale di aumento delle vendite e dei clienti acquisiti attraverso l’integrazione ottimale delle campagne comunicative online e offline.

Il ruolo del product manager, in quanto responsabile del prodotto, è di coordinamento dei responsabili specializzati nelle singole aree aziendali, dal Copywriter al Brand Manager, dal Marketing Manager al Sales Manager.




Con queste professionalità il product manager deve attivare un rapporto di collaborazione e confronto diretto.

Per questo motivo le skills richieste sono:

  • conoscenza dei trend del mercato di riferimento
  • abilità negoziale e di coordinamento del team
  • capacità di pianificazione e gestione del tempo

Poiché quella del responsabile del prodotto è una mansione composita e complessa, e richiede l’interfaccia con tutti gli altri professionisti dell’azienda, alcuni esempi aiuteranno a capire meglio chi è e cosa fa nel concreto un product manager:

1 – Raccolta delle informazioni sui trend di mercato e sui feedback dei consumatori

ESEMPIO: se l’obiettivo è rilanciare un prodotto food con un restyling, il product manager deve conoscere le opinioni della clientela, attingendo dagli strumenti analitici, dai social, dagli studi di settore.

2 – Ideazione delle strategie di marketing con un occhio ai competitors

ESEMPIO: se il professionista opera in un settore altamente concorrenziale, come l’abbigliamento o la cosmetica, il product manager deve puntare sul valore aggiunto del prodotto, coordinando in modo ottimale il team dei creativi, dai copywriter ai grafici.

3 – Impostazione del piano generale di marketing

ESEMPIO: se il bene in oggetto è un prodotto hi-tech di ultima generazione, il product manager deve coordinare il brand manager e il marketing manager per decidere quale canale pubblicitario utilizzare (social, piattaforme specializzate, e-mail marketing) così da raggiungere il target ottimizzando i costi.

4 – Controllo e gestione del budget aziendale

ESEMPIO: se un’azienda decide di puntare su una promozione per attrarre nuovi clienti, il responsabile del prodotto, a partire dal budget, deve prevedere il ROI (ritorno di investimento) di una determinata promo.                  

Si tratta di un’attività strategica centrale, specialmente nel settore dei beni di largo consumo – fashion, food, cosmetics, dove si investe in couponing, spese di spedizione gratis, prodotti omaggio ma anche nell’entertainment online, dalle piattaforme di gioco a distanza, dove vengono usati bonus casino senza deposito come formule promo di testing gratuito dei giochi, fino agli operatori di videostreaming, che spesso ricorrono alle prove gratis a tempo per attrarre nuovi potenziali abbonati al servizio.

Il product manager, in questa fase delicatissima, deve capire se l’investimento economico può generare un ritorno utile, nel medio periodo.

5 – Gestione del lancio di un prodotto sul mercato

ESEMPIO: Se il product manager lavora all’interno di una casa di produzione di videogiochi, e un titolo in imminente uscita è particolarmente atteso dagli appassionati del gaming, il momento del lancio è importantissimo.

Di concerto con gli altri professionisti del team, il product manager deve decidere se è meglio puntare su un teaser, su un trailer, su un bonus pre order, sul rilascio di una demo version, di una versione in prova, e così via.

Anche questa fase del ciclo di vita di un prodotto è centrale e importantissima, ed è in questo momento che il product manager deve fare leve su tutte le proprie spiccate capacità di relazione e coordinamento del team.

6 – Selezione dei fornitori e relazione con la forza vendita

ESEMPIO: Se il product manager deve pensare al lancio di un nuovo prodotto del settore pharma, ad esempio un integratore biologico, la scelta dei fornitori è fondamentale per la qualità finale del prodotto stesso.

La selezione dei fornitori delle materie prime – ma anche di quelle del packaging – è determinante, e il manager si avvale in questa fase della collaborazione di altre professionalità, come il Buyer e il Supply Chain Manager.                                                                             

Anche la scelta di una rete di vendita capace di valorizzare al meglio le caratteristiche specifiche del prodotto è importante: in questo caso, ad esempio, si opterà per degli agenti di commercio o rappresentanti del settore pharma specializzati in prodotti eco e bio.

Come si è visto, il product manager deve muoversi con agilità nell’azienda, conoscerne bene l’organizzazione e saper interagire in modo dinamico con i singoli professionisti specializzati.

Il profilo del manager di prodotto non è incentrato su una singola mansione, perciò si richiede flessibilità, capacità comunicativa e di problem solving, ma anche l’umiltà di per potersi avvalere del contributo degli altri membri esperti del team, coordinandoli e motivando la squadra.

Ma quanto guadagna un product manager?                                                               

Dato il suo profilo complesso e multitasking, i guadagni del manager di prodotto, a seconda dell’azienda di riferimento e dell’esperienza maturata nel campo, possono oscillare dai 25 mila euro lordi l’anno ai 115 mila euro annui.

In media il compenso di un product manager si attesta sui 43 mila euro lordi all’anno, che corrispondono a una paga di 2.400 euro netti al mese.

Come si è detto, le offerte di lavoro come manager di prodotto sono presenti in tutti i settori commerciali, e sempre aggiornate, per provincia, nei portali di lavoro specializzati o alla voce “carriere” e “lavora con noi” dei siti delle singole aziende.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.