Quarantena non pagata dal 1 gennaio 2022, le nuove regole


Quarantena




Fra le novità previste dal Governo per quanto riguarda le regole del lavoro e Covid 19, sicuramente c’è quella della quarantena non pagata. Fino al 31 dicembre 2021 tutti i lavoratori del settore privato, in caso di quarantena a seguito di un contatto con un soggetto positivo, hanno potuto usufruire dell’indennità di malattia (quindi la quarantena era pagata).

In particolare, hanno potuto usufruire del 50% della retribuzione media giornaliera (dal quarto al ventesimo giorno di malattia), come in altri casi di malattia, e, a partire dal 21esimo fino al 180esimo giorno di malattia, di un’indennità del 66,66% della retribuzione media giornaliera. Va ricordato che il datore di lavoro può effettuare la verifica mandano il controllo malattia.

Con l’avvento del nuovo anno, però, le regole sono cambiate.

Infatti, a partire dal primo gennaio 2022, i lavoratori del settore privato che sono entrati in contatto con un soggetto positivo, non avranno diritto a percepire l’indennità di malattia nei giorni di quarantena preventiva ma, per giustificare l’assenza dal lavoro, dovranno utilizzare i propri giorni di ferie o altri tipi di permessi.

Di fatto, per questi soggetti, la quarantena non è più pagata.




A rischiare di più di finire in quarantena, senza vedersi pagato questo periodo, sono soprattutto i lavoratori che non possono svolgere la propria attività in modalità smart working, ma anche quelli che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino da più di 5 mesi senza aver fatto ancora la terza dose booster.

Leggermente più agevolati sono i lavoratori dipendenti che hanno figli: questi potranno richiedere il congedo parentale con indennità del 50% fino al 31 marzo 2022 nel momento in cui il figlio (minore di 14 anni) risultasse positivo, ad esempio per via dei contagi a scuola.

Infine, i lavoratori fragili, immuni-depressi o con altre patologie, possono lavorare in smart working (anche attraverso l’adibizione a nuova mansione), fino al 22 febbraio 2022.

Tuttavia, per questi soggetti, l’assenza dal lavoro a causa di una patologia certificata, non sarà più assimilata al ricovero ospedaliero e non darà diritto a una indennità economica.



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.