Come funziona il controllo malattia visita fiscale e chi lo manda


Come funziona il controllo malattia visita fiscale e chi lo manda




Il controllo malattia visita fiscale Inps è lo strumento di accertamento delle condizioni di salute di un dipendente che si è assentato dal lavoro per malattia. Il medico incaricato deve verificare l’effettiva sussistenza dello stato di impossibilità al lavoro.

Controllo malattia visita fiscale datore di lavoro: la procedura

La visita fiscale può essere richiesta dal datore di lavoro solo online tramite il sito dell’Inps anche nel giorno stesso in cui è avvenuta la dichiarazione di malattia.
Il medico incaricato, quindi, si reca presso l’indirizzo indicato dal lavoratore, per poter effettuare il controllo di malattia. Ricoardiamo che per chi i dipendenti pubblici che sono in malattia sono cambiate nel 2018 le fasce orarie in cui si deve rimanere a casa.

Nel caso in cui, per qualsiasi motivo, il lavoratore dovesse risultare assente alla visita fiscale di controllo dell’Inps presso il suo domicilio, il medico rilascia nella cassetta postale o a una persona presente nell’abitazione, un avviso recante l’invito a presentarsi il giorno successivo alla visita di controllo ambulatoriale.

Assenza visita fiscale: ecco cosa succede

Come detto, nel caso in cui l’assenza visita fiscale, il medico incaricato comunicherà la mancata
reperibilità del lavoratore, mettendo a disposizione l’informazione al datore di lavoro
Nel caso in cui il dipendente non si dovesse presentare alla visita ambulatoriale, l’Inps richiede allo
stesso la giustificazione che deve giungere massimo in 15 giorni.




Com’è comprensibile nel caso in cui la documentazione non dovesse essere fornita o non essere
ritenuta attendibile dell’Inps scatteranno dei provvedimenti a carico del lavoratore.
Le sanzioni per assenza dalla visita fiscale possono variare in base al caso. Partendo dalla
decurtazione di parte dello stipendio o nei casi più gravi al licenziamento per giusta causa.

Il regolamento concernente le visite fiscali Inps prevede anche casi di esclusione del rispetto della
reperibilità dei controlli malattia: i lavoratori affetti da patologie gravi che richiedono terapie salvavita.
Coloro i quali per causa di servizio riconosciuta abbino dato luogo all’ascrivibilità della menomazione
unica o plurima. Infine se affetti da stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità
riconosciuta, pari o superiore al 67%.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%