Controllo malattia visita fiscale: cosa succede se non si viene trovati a casa


Controllo malattia visita fiscale: cosa succede se non si viene trovati a casa




Quando un dipendente è in malattia, una delle prime eventualità che mette in conto è quella di una visita fiscale. Ma cosa accade nel caso si registri l’assenza visita fiscale del lavoratore durante un controllo malattia? Ricordiamo che nel 2018 sono cambiati gli orari per i dipendenti pubblici.

Controllo malattia, assenza visita fiscale: ecco cosa accade

La visita fiscale non è nient’altro che il controllo effettuato dal medico nei confronti di un lavoratore assente per malattia, nell’intento di verificare l’effettivo stato di salute dello stesso.
La procedura può essere attivata in via telematica dal datore di lavoro, che può usufruire dei servizi on-line messi a disposizione dell’Inps sul proprio sito internet.
Nel caso in cui, per qualsiasi motivo, il lavoratore risulti assente alla visita fiscale di controllo dell’Inps presso il suo domicilio, il medico rilascia nella cassetta postale o a una persona presente nell’abitazione, un avviso recante l’invito a presentarsi il giorno successivo alla visita di controllo ambulatoriale.

Successivamente il medico incaricato del controllo comunica l’assenza alla visita fiscale all’Inps che mette a disposizione l’informazione al datore di lavoro
Nel caso in cui il dipendente non si dovesse presentare alla visita ambulatoriale, l’Inps richiede allo stesso la giustificazione o il certificato per assenza alla visita fiscale.

Provvedimenti assenza visita fiscale

Nel caso in cui la giustificazione non dovesse arrivare o essere ritenuta valida, scatteranno dei
provvedimenti che possono arrivare alla decurtazione dello stipendio o nei casi più gravi
al licenziamento per giusta causa.
Sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce orarie di reperibilità i lavoratori che si assentano perchè
affetti da patologie gravi che richiedono terapie salvavita. Coloro i quali per causa di servizio
riconosciuta abbino dato luogo all’ascrivibilità della menomazione unica o plurima. Infine se affetti da
stati patologici sottesi o connessi alla situazione di invalidità riconosciuta, pari o superiore al 67%.




Altro caso consentito dalle norme sulle visite fiscali nel caso in cui il lavoratore risulti assente per visita medica, cioè quando c’è contemporaneità tra il controllo del medico Inps e di quello privato, che dovrà rilasciare apposito certificato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





1 Commento

  1. Se il medico fiscale non lascia avviso come si deve comportare il lavoratore che al momento del passaggio del medico fiscale si trovava dal medico curante?

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.