Come registrare un dominio e in che modo scegliere la perfetta estensione


Come




Ci sono alcuni step da rispettare nel percorso digitale che conduce all’apertura di un blog, di un portale web oppure di una piattaforma ecommerce. Si comincia sempre dalla registrazione del dominio: quest’ultimo è il nome che viene digitato nella barra di ricerca, ovvero l’indirizzo del portale stesso (si parla anche di ‘domain name’). L’individuazione di ciascun pc collegato a una rete avviene attraverso un numero di protocollo IP, che costituisce l’indirizzo del computer dove i contenuti di un sito risiedono.

La scelta del nome e i fattori da tenere presenti

Analizziamo la struttura dell’indirizzo, che si compone dell’estensione (.it, .com, .org e così via) e del nome del sito (in genere corrisponde al nome stesso dell’azienda). Con riferimento a questi elementi si parla di dominio di primo e secondo livello. Inoltre, c’è pure un dominio di terzo livello: il suo obiettivo è permettere l’aggiunta di un sottodominio per ramificare ulteriormente specifiche aree commerciali e aziendali.

Ovviamente la scelta del nome è un momento cruciale e ci sono molti elementi che occorre tenere in considerazione. Si deve innanzitutto optare per un nome che sia in grado di agevolare gli utenti e la loro ricerca, dunque porte aperte a soluzioni semplici da ricordare oltre che facili da digitare. Dal momento che un po’ in tutti i settori i livelli di competizione sono in continua crescita, visto anche il particolare momento storico che stiamo vivendo votato alla digitalizzazione, si dovrà anche tenere conto del fattore brand. Cosa vuol dire? Nell’ottica di differenziarsi dai diretti competitor e in generale sul mercato di riferimento, è bene scegliere un nome che possa rappresentare il brand e la sua identità. C’è infine il fattore SEO: avere una keyword all’interno del nome del dominio può assicurare diversi vantaggi dal punto di vista di un migliore posizionamento. Ovviamente siamo in un ambito dove il fai da te è sempre sconsigliato, l’ideale è quindi affidarsi a un team di tecnici come quelli di Shellrent: si tratta di una realtà che offre la registrazione di un dominio con oltre 1300 estensioni disponibili.

Quali sono le 5 estensioni più utilizzate online

A proposito di estensione, come fare per scegliere quella perfetta? Lo vediamo insieme in questo approfondimento. Iniziamo dicendo che ci sono sostanzialmente 5 estensioni più ricorrenti su internet. Si tratta del dominio .com – il più usato al mondo – che nasce per le realtà commerciali anche se è sempre più diffuso in una moltitudine di settori. C’è poi l’estensione .net, inizialmente nata per essere sfruttata da network e service provider. Chi ha a che fare con nuove tecnologie, con il web e le sue applicazioni la troverà una valida alternativa a quella .com. Troviamo poi l’estensione .org, perfetta per le realtà che si muovano nel settore informativo (è meno adatta a realtà di shop digitale ed ecommerce). Il dominio .it è una soluzione esclusivamente riservata a residenti in Italia o comunque ad attività che siano registrate nel Belpaese. Infine tra le più usate c’è pure l’estensione .eu, riservata alle realtà operanti nel Vecchio Continente (è l’ideale se il relativo progetto è rivolto a un pubblico soprattutto europeo).






Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.