Personal shopper, come diventarlo   


Personal shopper




Ci sono lavori, occasioni ed eventi che richiedono di avere un certo stile e di dare di sé un’immagine coerente. A volte, però, può capitare che all’atto pratico (quello di fare shopping) sia più complicato del normale acquistare quei capi di abbigliamento che possano essere adeguati e valorizzare la propria figura.

Ecco allora che ci si può affidare ad un personal shopper, un consulente all’acquisto che consiglia sui capi di abbigliamento (ma anche scarpe, accessori, eventualmente make up) più giusti per lo stile che si ricerca e per le proprie esigenze.

Il personal shopper è dunque un professionista che deve essere preparato e aggiornato sui trend e le mode del momento ma soprattutto deve riuscire a consigliare i propri clienti nel modo più opportuno sulla base delle informazioni che ricava su di essi.

Non può dare consigli generalizzati ma deve riuscire a consigliare sulla base dello stile di vita, del lavoro, delle esigenze e necessità del cliente ed è proprio per questo che deve formarsi opportunamente.




Vediamo allora come si diventa personal shopper

Prima di tutto si devono avere delle doti innate (comunicative e relazionali), capacità organizzative, professionalità, flessibilità, pazienza ed entusiasmo.

Non c’è bisogno di conseguire una laurea in particolare o di seguire un particolare corso di studi: essendo una professione nuova, non c’è nessun percorso di formazione standardizzato.

Per avere le giuste competenze e conoscenze si possono seguire corsi per personal shopper e consulenti di immagine in cui vengono impartite numerose nozioni interessanti sulla psicologia dell’acquisto, comunicazione e tecniche di counselling, analisi dell’immagine, analisi del colore, tipologie di abbigliamento per le varie occasioni, ricerca delle tendenze, servizio clienti e customer satisfaction.

In questi corsi si possono acquisire anche conoscenze di tecniche e strategie di promozione e vendita, utili per imparare a trovare clienti anche utilizzando i social network.

Quello che più conta è avere conoscenza dei negozi, marchi, prodotti e tendenze moda.

Eventualmente possono servire anche le lingue straniere (il russo, il cinese, l’arabo sono fondamentali se si vogliono seguire clienti internazionali).



Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.