Infermieri, come gestire le prestazioni in casa da freelance  


Infermieri




Dopo aver terminato il percorso di studi in Infermieristica, aver conseguito la laurea, superato l’esame di stato ed essersi iscritti all’albo per poter esercitare la professione, un infermiere può lavorare in strutture private, pubbliche, tramite cooperative ma anche svolgere prestazioni in casa da freelance.

In questo caso l’infermiere opera presso il domicilio

In questo caso l’infermiere opera presso il domicilio del paziente utilizzando gli stessi strumenti che userebbe in ospedale (deflussori e aghi per le terapie infusive o prelievi ematici, medicazioni semplici o complesse per il trattamento delle lesioni, gestione di presidi quali cateteri vescicali, SNG e PEG, PICC e CVC).

Inoltre si dimostra essere più autonomo e indipendente con il paziente, anche se deve sottostare sempre alla programmazione di tutte le terapie farmacologiche stabilite dal medico.

Per gestire le prestazioni in casa da infermiere freelance, se si svolge attività continuativa, è necessario che il professionista apra la Partita IVA.




Generalmente il costo di apertura della Partita IVA è di 50 euro più IVA e si può optare per il regime fiscale più consono alle proprie necessità.

Esiste il regime forfettario che esenta dalla fatturazione elettronica (ma si deve pagare il bollo sulle fatture, se di importo superiore a 77,47 euro) e dal pagamento dell’IVA obbligatorio.

Prevede un’imposta unica del 5% per i primi 5 anni e del 15% dal sesto anno in poi.

L’unico limite riguarda la soglia di reddito annuo

L’unico limite riguarda la soglia di reddito annuo, che non deve superare i 65 mila euro.

L’imponibile su cui si pagano le imposte è ottenuto sottraendo una percentuale del fatturato definita dal codice ATECO di riferimento, che identifica l’attività.

In alternativa si può optare per il regime fiscale semplificato (obbligatorio per coloro che abbiano guadagnato più di 65 mila euro).

Per quanto riguarda i contributi previdenziali, invece, gli infermieri devono iscriversi obbligatoriamente alla cassa di riferimento, l’ENPAPI (Ente Nazionale Previdenza Assistenza Professione Infermieristica).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.