Locali e musica, è obbligatorio pagare la SIAE?


Locali




I diritti degli autori e degli editori sono tutelati dalla normativa italiana sui diritti d’autore LDA 633/41 e dalle direttive dell’Unione Europea.

Locali e musica

In particolare, “il produttore di fonogrammi, nonché gli artisti interpreti e gli artisti esecutori che abbiano compiuto l’interpretazione o l’esecuzione fissata o riprodotta nei fonogrammi, indipendentemente dai diritti di distribuzione, noleggio e prestito loro spettanti, hanno diritto ad un equo compenso anche quando l’utilizzazione è effettuata a scopo non di lucro a mezzo della cinematografia, della diffusione radiofonica e televisiva, ivi compresa la comunicazione al pubblico via satellite, nelle pubbliche feste danzanti, nei pubblici esercizi ed in occasione di qualsiasi altra pubblica utilizzazione dei fonogrammi stessi. 

L’esercizio di tale diritto spetta al produttore, il quale ripartisce il compenso con gli artisti interpreti o esecutori interessati.

Quindi, l’esercente commerciale che vuole diffondere musica nel proprio locale, dovrà rivolgersi alla SIAE competente nel proprio territorio e pagare un abbonamento.




Oltre a questo pagamento, bisognerà pagare anche quello relativo ai diritti fonografici ovvero i diritti connessi discografici o compenso SCF e quei diritti dovuti al produttore fonografico (casa discografica/etichetta) per la registrazione discografica, ossia l’incisione su supporto dell’opera musicale.

La SIAE

La SIAE, infatti, è una società a cui si rivolgono gli autori e i cantanti per tutelare le proprie opere e, infatti, con il suo pagamento, queste categorie ricevono un compenso per la propria arte.

È quindi obbligatorio il suo pagamento proprio per tutelare il loro diritto ma non deve essere pagato quando si organizza una festa in casa propria, ad esempio, oppure quando si utilizzi della musica non protetta da diritto d’autore.

In tutti gli altri casi, cioè quando l’evento privato si svolge in un locale pubblico (ad esempio feste come matrimonio, battesimo, cresima, compleanno, festa di laurea) si dovrà pagare la SIAE sia che la musica venga diffusa dal vivo (con band, musicista, cantante) sia se venga riprodotta da un deejay e sia registrata.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.