Installatore climatizzatore, serve la partita iva?


Installatore climatizzatore




Si può svolgere il lavoro di installatore di climatizzatori (o di pompe di calore) avviando un’impresa. Prima di avviare e svolgere quest’attività bisogna rispettare la burocrazia: iscriversi presso l’albo Provinciale dell’Artigianato oppure al Registro delle Imprese.

Installatore climatizzatore, la burocrazia

Presentare la SCIA (Segnalazione certificata di inizio attività) per avviare l’impresa e selezionare la voce inerente l’attività che si svolgerà ovvero, in questo caso, “riscaldamento, climatizzazione, condizionamento e refrigerazione di qualsiasi natura o specie comprese opere di evacuazione prodotti di combustione e condense e di ventilazione e aerazione locali”.

Ma ancheaprire la Partita Iva e scegliere il Codice ATECO “43.22.01” ovvero “installazione in edifici o in altre opere di costruzione di: impianti di riscaldamento (elettrici, a gas e petrolio), caldaie, torri di raffreddamento, collettori di energia solare non elettrici, impianti idraulico-sanitari, impianti e condotte di ventilazione e di condizionamento dell’aria”.

Presso l’Agenzia delle Entrate si potrà registrare la propria attività ed iscrivere la ditta. Inoltre, sarà obbligatorio anche iscriversi presso l’INPS e l’INAIL per i contributi previdenziali e l’assicurazione sul lavoro propria e dei propri eventuali dipendenti.




Il regime forfettario

Il regime fiscale che si può scegliere è anche quello forfettario con aliquota al 15% (valevole per tutte le attività che non superino la soglia di ricavi annui di 65.000 euro). Dopo questi passaggi burocratici e amministrativi bisogna scegliere la sede in cui depositare i mezzi di trasporto, gli attrezzi e le apparecchiature da utilizzare ma anche predisporre un ufficio in cui incontrare i clienti o i fornitori.

Ovviamente, per svolgere il lavoro come tecnico professionale, bisogna conseguire il diploma e un attestato ed iscriversi all’albo dei soggetti competenti e conseguire la certificazione che attesti di possedere le competenze per svolgere il lavoro nel rispetto delle normative vigenti e della tutela dell’ambiente.

Questo certificato viene rilasciato dalle competenti commissioni provinciali per l’artigianato.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.