Concerti, quando si potrà ripartire?  


Concerti




Nel DPCM del Presidente Conte si dichiara che gli spettacoli e concerti aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche e in altri spazi anche all’aperto restano sospesi fino al 14 giugno. Dal 15 giugno questi spettacoli invece potranno riprendere però dovranno essere pre-assegnati i posti a sedere e dovrà essere assicurato il rispetto della distanza sociale fra le persone di almeno un metro.

Concerti, numero massimo di spettatori

Il numero massimo di spettatori per gli spettacoli all’aperto sarà di 1000 persone mentre nei luoghi chiusi la capienza massima sarà di 200 persone. Resteranno sospesi invece gli eventi che possono comportare assembramenti in spazi chiusi o all’aperto.

Sembrerebbero dunque confermati i concerti che si svolgono in posti in cui è possibile assegnare dei posti a sedere e rispettare la distanza sociale (quelli ad esempio che si svolgono nei teatri). Per la partecipazione a questi eventi è obbligatorio indossare la mascherina e all’ingresso è prevista la misurazione della temperatura corporea con l’impedimento dell’accesso a chi abbia una temperatura maggiore di 37,5°.

Non si potranno consumare cibo e bevande e dovrà essere rispettata la distanza sociale anche presso i servizi igienici. I luoghi in cui avvengono gli spettacoli dovranno essere puliti e igienizzati dopo ogni manifestazione e dovrà essere anche effettuato il ricambio dell’aria.




Verrà incentivato l’utilizzo di biglietti elettronici

Verrà incentivato l’utilizzo di biglietti elettronici e saranno favoriti i pagamenti diversi dal contante (proprio per evitare assembramenti e lunghe code alle biglietterie e ai punti informativi). Discorso a parte per i concerti di grande portata dell’estate che avrebbero riempito le piazze, gli stadi o i palazzetti italiani e attirato diverse persone che avrebbero assistito all’evento in piedi.

Proprio il 18 maggio si è espressa Assomusica (Associazione tra i Produttori e gli Organizzatori di Spettacoli di Musica dal Vivo) dichiarando che i grandi eventi live si fermano, tenendo conto delle disposizioni governative in materia di salute pubblica che vietano gli assembramenti e sono rimandati dunque a data da destinarsi (probabilmente all’estate prossima).


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.