Lavoro post coronavirus, come cambierà la ristorazione


Lavoro post coronavirus




Uno dei settori più colpiti dalla crisi per via del Coronavirus è quello della ristorazione: a seguito delle misure restrittive imposte dal Governo per limitare i contagi, infatti, tutti i ristoranti sono stati chiusi. Il settore della ristorazione tra l’altro rientra nelle attività che possono riaprire il 18 maggio.

Lavoro post coronavirus nella ristorazione

Molti ristoratori, per evitare di non lavorare, hanno deciso comunque di offrire ai propri clienti il servizio a domicilio, dato che è concesso. Molte attività lo facevano già prima ma altri hanno visto nel delivery la possibilità di lavorare e guadagnare comunque, nonostante la chiusura.

In tanti però si chiedono come cambierà la ristorazione dopo il Coronavirus. A risentirne maggiormente saranno sicuramente i ristoranti con una clientela prettamente turistica, dato che purtroppo il turismo sarà bloccato in Italia, forse, fino alla primavera del 2021.

La difficoltà nel riaprire

In genere, è probabile che tutti i ristoranti avranno difficoltà a ripartire dato che fino a che non ci sarà un vaccino o una cura, i clienti saranno più restii a recarsi in un posto pubblico tanto più che, per rispettare la distanza sociale, verrà anche un po’ meno il concetto di convivialità tipico di quando si pranza o si cena al ristorante. In più, durante questo periodo di quarantena, molta gente potrebbe aver scoperto una passione per la cucina oppure essersi abituata alle consegne a domicilio e questo potrebbe spingerla ancor meno a frequentare di nuovo i ristoranti.




Non da meno per i ristoratori, alla riapertura, verranno imposte delle limitazioni orarie e nuove disposizioni per evitare assembramenti di persone e per favorire il distanziamento sociale (è probabile, infatti, che i coperti saranno ridotti, forse dimezzati).

Inoltre, dovranno sicuramente rispettare delle misure di sicurezza ed igiene come provvedere alla sanificazione degli ambienti e degli impianti, monitorare che ci sia adeguato arieggiamento, utilizzare guanti e mascherine. E’ evidente che l’emergenza Coronavirus abbia “sancito” la chiusura forzata di tutte quelle piccole aziende familiari o piccoli ristoranti che già faticavano ad arrivare a fine mese.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.