DPCM, chi può riaprire il 18 maggio


DPCM




La fase 2 dell’emergenza Coronavirus è iniziata il 4 maggio con la ripresa graduale di alcune attività che avevano inizialmente dovuto chiudere per via dell’emergenza sanitaria. Un’altra data molto importante è quella del 18 maggio in cui si prevede la riapertura di diverse attività che potranno riprendere finalmente ad operare, primi fra tutti i negozi per la vendita al dettaglio.

Chi apre dal 18 maggio secondo il DPCM

Dal 18 maggio, dunque, chiunque voglia fare shopping potrà farlo, purché entro i confini della propria regione (perché, per il momento, non ci si può spostare dalla propria regione di residenza o domicilio). I negozianti dovranno comunque mettere in atto tutte le misure di sicurezza per i propri clienti, pena la nuova chiusura della propria attività.

Stando al DPCM del 26 aprile, i saloni di bellezza, i parrucchieri, i centri estetici, i barbieri, i bar e i ristoranti avrebbero dovuto riaprire il primo giugno ma il premier Conte, in quell’occasione, aveva rassicurato che, in caso di curva epidemica più rassicurante, la data sarebbe stata rivista ed è proprio quello che sta accadendo.

Pare infatti che il 18 maggio queste attività potranno riaprire, non ovunque ma solo nelle regioni in cui non si siano riscontrate curve epidemiologiche preoccupanti (il Ministero della Salute, a tal proposito, sta monitorando questi dati). Il Governo infatti ha dato maggiore autonomia alle regioni di poter decidere, sulla base dei contagi e del rischio sul territorio, sulla riapertura delle diverse attività, anche se le regole da seguire saranno uniche per tutta Italia.




A discrezione delle regioni

Dunque, è a discrezione delle regioni disporre la riapertura di altre attività oltre a quelle commerciali, vale a dire centri estetici, saloni di bellezza, parrucchieri e barbieri, ristoranti e bar. Inoltre, in caso di malaugurato aumento della curva dell’andamento dei contagi, il Governo potrà disporre nuovamente la chiusura di tali attività.

In alcune regioni è prevista anche la riapertura degli stabilimenti balneari mentre in Veneto il governatore Zaia sta pensando anche alla riapertura di palestre e centri sportivi.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.