DPCM, bar e ristoranti: quando possono riaprire


DPCM




Con l’emergenza Coronavirus sono state davvero tante le attività che hanno dovuto momentaneamente chiudere i battenti e smettere di lavorare come disposto dal primo DPCM. Dal 18 maggio le aperture di altre attività faranno si che pian piano si torni ad una normalità. Fra questi, bar e ristoranti, che hanno potuto continuare ad operare in modalità a domicilio o, dopo l’inizio della fase 2 dell’emergenza (il 4 maggio), preparando cibi da asporto.

Autonomia alle regione secondo il DPCM

Il Governo, a tal proposito, ha demandato piena autonomia alle regioni nel decidere, sulla base dei contagi e del rischio sul territorio, per la riapertura di bar e ristoranti (insieme ad altre attività come parrucchieri, barbieri, centri estetici e saloni di bellezza).

Le regioni potranno decidere di far riprendere queste attività sotto la propria responsabilità e in base alle esigenze del territorio e il Governo, in caso di peggioramento della situazione sanitaria, potrà disporre nuovamente la chiusura di tali attività. Quindi, pare proprio che la riapertura di bar e ristoranti possa avvenire il 18 maggio, pur garantendo il rispetto di tutte le misure di sicurezza per i propri avventori, per evitare la formazione di assembramenti e per tutelare la salute di tutti.

Come si dovrà andare al ristorante

Prima di tutto, dovrà avvenire una riorganizzazione degli spazi, prediligendo quelli all’aperto per far accomodare gli ospiti. All’interno della sala, invece, i tavoli dovranno essere distanziati di almeno due metri (questo ridurrà ovviamente il numero di coperti) e di 4 metri fra ciascun cliente.




Se fra persone accomodate allo stesso tavolo del bar o ristorante, verrà apposto un separatore di vetro o in plexiglass, allora la distanza tra i tavoli potrà essere ridotta anche ad un metro e mezzo. La prenotazione sarà obbligatoria proprio per evitare file fuori dal locale; non saranno consentiti i buffet mentre gli ospiti dovranno portare mascherine prima e dopo i pasti.

Anche i dipendenti dovranno essere muniti di mascherine e ogni locale dovrà predisporre dispenser per la disinfezione delle mani


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.