Franchising, quali sono gli investimenti iniziali?


Franchising




Sempre più persone decidono di aprire un’attività in proprio, scegliendo l’opzione del franchising. Spesso, si tratta di persone che non hanno esperienza come imprenditori ma che decidono di entrare a far parte di una rete già avviata oppure può trattarsi di persone che vogliano investire in un settore di tendenza, mettendosi in proprio.

Sebbene quando si apra un’attività in franchising si possa godere di molti vantaggi (come ad esempio, del know how e della reputazione di un brand già famoso oppure dell’assistenza della casa madre), si devono mettere in conto diversi investimenti iniziali.

Infatti, una volta scelto il marchio di franchising a cui affiliarsi, bisogna considerare tutte le spese iniziali da sostenere, che saranno diverse a seconda del settore in cui si intende operare.

Le spese a cui si fa riferimento sono quelle che riguardano:

  • l’affitto o l’acquisto del locale in cui svolgere l’attività;
  • l’acquisto dell’arredo del locale, dei mobili, degli espositori, dei macchinari e delle attrezzature;
  • la prima fornitura cioè il rifornimento dei prodotti da vendere (se si tratta di un’attività di commercio)
  • l’affiliazione al marchio cioè la fee di ingresso, una tassa per entrare a far parte della rete distributiva del franchising.

In genere, questa tassa di ingresso ha un importo che varia in base alla notorietà e alla forza di vendita del brand scelto.




Infatti, può avere un importo abbastanza elevato per via:

  • del prestito di garanzie, avalli o fidejussioni;
  • della registrazione del contratto;
  • delle trasferte dovute per il contatto e la formazione con la casa madre.

Altre spese che bisognerà mettere in conto sono, eventualmente, quelle legate alle consulenze legali e amministrative prima di aprire la propria attività (come quelle che riguardano l’apertura della Partita IVA o della propria posizione contributiva o, ancora, le pratiche contrattuali o eventuali corsi di formazione a cui prendere parte per operare in un certo settore).

Infine, bisognerà considerare anche le spese per la pubblicità e il marketing per lanciare l’attività.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.