Restauratore, quali competenze si devono avere


Restauratore




Il restauratore è colui che cura la conservazione o il restauro di opere usurate dal tempo, dalle condizioni climatiche o da altri fattori (ad esempio, muffe o umidità). Per svolgere la professione del restauratore, è necessario possedere diverse competenze oltre che un background culturale ad hoc, sviluppato sin dal percorso scolastico e rafforzato durante il periodo universitario/accademico.

In particolare, sono necessarie conoscenze in:

  • storia dell’arte;
  • archeologia;
  • composizione dei materiali e processi di deterioramento;
  • teoria della conservazione e del restauro;
  • archivistica e metodi di ricerca e di documentazione.

Inoltre, bisogna possedere:

  • abilità manuali;
  • sensibilità figurativa e cromatica;
  • pazienza e precisione;
  • accuratezza per minimizzare gli errori;
  • capacità di lavorare in gruppo, cooperando e collaborando per raggiungere obiettivi comuni.

Dato che il lavoro del restauratore consta di diverse fasi, ognuna di queste sarà supportata da diverse competenze che il professionista deve possedere. Nella prima fase, quella di valutazione dello stato di degrado dell’opera, il restauratore dovrà ricercare tutte le informazioni per conoscere la storia del bene.

Successivamente, studiare queste informazioni relative ai materiali, le tecniche esecutive, lo stato di conservazione dei beni e l’eventuale incidenza delle condizioni ambientali sul degrado. Dopo la fase di studio, inizia la pianificazione dell’intervento di restauro: il restauratore deve valutare se ci sono dei rischi nel procedere e  quali essi siano ed inoltre, deve pianificare i tempi di intervento.

L’intervento vero e proprio può essere di tipo conservativo o di restauro: i trattamenti sono ovviamente diversi e, nell’eseguirli, bisogna che si valuti la congruità di tali interventi man mano che si procede nell’eseguirli. In questa fase, è essenziali coordinarsi con tutti gli altri operatori che a vario titolo si interessano al restauro, interagendo con loro in modo positivo e costruttivo. Il restauratore deve essere anche capace di redigere le relazioni tecniche durante ogni fase del restauro.





Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.