Produttore agricolo, quale società aprire


Produttore agricolo




L’attività agricola, oltre a poter essere svolta sotto forma di ditta individuale o di azienda familiare, può essere svolta anche sotto forma di società, semplici o di capitali. Ci sono tre requisiti da soddisfare e che attengono, principalmente, al contenuto dell’atto costitutivo e dello statuto ma anche ai soci e agli amministratori della società, con particolare riferimento alla qualifica di imprenditore agricolo professionale.

Esercizio all’agricoltura

Partendo dai primi due requisiti, l’oggetto esclusivo della società deve essere l’esercizio dell’agricoltura, della coltivazione del fondo, della silvicoltura, dell’allevamento di animali e delle attività connesse. Fra le attività connesse rientrano quelle dirette alla manipolazione, alla conservazione, alla trasformazione, alla commercializzazione e alla valorizzazione dei prodotti ottenuti prevalentemente dalla coltivazione del fondo o del bosco o dall’allevamento di animali.

Oppure, la fornitura di beni o servizi utilizzando prevalentemente le attrezzature o risorse dell’azienda agricola o l’agriturismo. Tutte le società possono essere qualificate come società agricole, purché nella ragione o denominazione sociale sia specificato “società agricola”.

La tipologia di società

Per quanto riguarda il terzo requisito e quindi i soci e gli amministratori, nelle società di persone, almeno uno dei soci deve aver conseguito la qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto. Nella società in accomandita semplice, almeno un socio accomandatario deve qualificarsi come imprenditore agricolo professionale (gli altri soci non devono essere necessariamente agricoltori).




Invece, nelle società di capitali, almeno un amministratore (che sia anche socio) deve aver conseguito la qualifica di imprenditore agricolo professionale o di coltivatore diretto. Nelle società cooperative, almeno un amministratore che sia socio, deve avere la qualifica di imprenditore agricolo professionale o coltivatore diretto.

In ogni caso, la qualifica di imprenditore agricolo professionale può essere apportata dall’amministratore ad una sola società: questo viene fatto per evitare la creazione di cariche amministrative fittizie, con il solo obiettivo di ottenere le agevolazioni che spettano alle società agricole.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.