Frutta e verdura nelle scuole, chi può partecipare al bando


Frutta e verdura




Le scuole hanno il compito fondamentale di istruire i bambini in diversi modi: uno di questi è anche infondendo delle sane e corrette abitudini alimentari. Fra di queste, consumare regolarmente frutta e verdura è sicuramente una delle più importanti.

Aderire al progetto Frutta e verdura nelle scuole

E’ proprio per questo motivo che le scuole possono procedere all’iscrizione per aderire al progetto “Frutta e verdura nelle scuole”, un’iniziativa che ha lo scopo di sensibilizzare i bambini sull’importanza del consumo di prodotti ortofrutticoli e sulla generazione di sprechi alimentari e sulla loro prevenzione. Infatti, nell’ambito di questo progetto, i bambini non vengono solo istruiti teoricamente per conoscere i diversi tipi di frutta e verdura ma, mediante delle attività ludico – didattiche, vengono incuriositi e spronati a consumarne diversi tipi e i diversi modi di preparazione.

I prodotti ortofrutticoli vengono distribuiti nelle scuole freschi e in base alla stagionalità così che i bambini ne possano conoscere una vasta varietà e provarli tutti.

Le scuole primarie

Possono partecipare al programma “Frutta e verdura nelle scuole”, le scuole primarie, pubbliche o paritarie, iscrivendosi al sito www.fruttanellescuole.gov.it gestito dal Ministero italiane delle politiche agricole, alimentari e forestali.




La scadenza per l’anno scolastico 2019- 2020 è prevista per il 31 luglio 2019.

Nei mesi di agosto e settembre, le scuole, accedendo alla propria area riservata, possono modificare le informazioni circa le classi o gli alunni ma non è possibile effettuare iscrizioni. Ad ottobre, invece, vengono selezionate le scuole vincitrici dando precedenza a quelle che non hanno partecipato negli anni precedenti. Poi, si proseguirà in ordine cronologico di ordine di inoltro della domanda.

Al bando partecipano anche i distributori, in base a lotti regionali o macro regionali in cui viene specificata la tipologia di prodotti e la quantità di distribuzioni che devono essere garantite. Infine, anche i produttori locali possono beneficiare dell’iniziativa, contattando le aziende di distribuzione alimentare per far conoscere i propri prodotti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.