Agenzia di viaggio, quali costi da preventivare per aprirne una


Agenzia di viaggio




Sempre più persone si rivolgono ad un’agenzia di viaggio quando vogliono effettuare una vacanza, un viaggio di piacere o per qualsiasi altra ragione. Infatti, in un’agenzia di viaggio, gli agenti presenti, offriranno diverse prestazioni ai clienti:

  • selezionando i mezzi di trasporto più adeguati per raggiungere la destinazione finale;
  • offrendo preventivi e tariffe per i diversi mezzi di trasporto;
  • proponendo servizi alberghieri o altre soluzioni per gli eventuali pernottamenti;
  • prenotando tour organizzati, escursioni, visite o esperienze.

Soddisfare l’esigenza dei viaggiatori è il punto di partenza di un’ agenzia di viaggi

Insomma, in un’agenzia di viaggio, l’obiettivo è quello di soddisfare le esigenze e le aspettative dei clienti. Alla luce della crisi economica e delle difficoltà per i giovani di trovare lavoro, c’è chi decide di aprire un’agenzia di viaggio. Si tratta di un investimento abbastanza importante ma che di sicuro consentirà di ottenere le proprie soddisfazioni.

Innanzitutto, chi vuole aprire un’agenzia di viaggio, può scegliere fra due alternative:

  1. formula in franchising;
  2. formula in proprio.

Scegliendo di aprire un’agenzia di viaggio in franchising, si può beneficiare della fama di un brand già conosciuto dai potenziali clienti oltre che delle conoscenze e competenze di chi ha già esperienza nel settore. I costi, in questo caso, possono andare dai 20000 ai 40000 euro: si tratta della fee d’ingresso, nella quale è compresa anche l’attrezzatura per svolgere l’attività.




Sono compresi anche l’arredamento o i software per operare.

Nel caso della formula in franchisign, però, la componente “personale” viene a mancare e c’è l’obbligo (quasi sempre) di raggiungere un certo fatturato annuo. Quando si tratta, invece, di un’agenzia di viaggio in proprio, dovrà essere presente la figura del direttore tecnico (si diventa direttore tecnico dopo aver superato un esame abilitativo).

Bisogna poi considerare i costi legati a:

  • acquisto o locazione del locale in cui operare;
  • stipendi del personale;
  • arredi, attrezzature e software per svolgere l’attività.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.