Uber, come si fa a diventare autista? Privato o professionista?


Uber




Uber è il servizio di trasporto automobilistico privato che mette in comunicazione passeggeri e autisti tramite un’app. Ma come si diventa autista Uber? Esistono due tipologie di autisti Uber:

  • Driver UberPop, cioè privati con la propria auto;
  • Driver UberBlack, cioè professionisti con licenza (attualmente questo servizio, in Italia, è disponibile a Roma e a Milano)

In entrambi i casi, i requisiti preliminari per diventare autisti Uber sono:

  • possedere un’automobile in buone condizioni;
  • avere uno smartphone con l’applicazione di Uber.

Per diventare autista Uber è necessario soddisfare questi requisiti:

  • avere più di 21 anni;
  • avere la patente da più di 3 anni, con almeno 15 punti;
  • avere un’automobile immatricolata da non più di 10 anni e che abbia 4 posti, 4 porte e sia in buone condizioni;
  • non avere avuto sospensioni o ritiri di patente recenti;
  • non avere la fedina penale macchiata;

Per diventare UberPop, sarà sufficiente scaricare l’app Uber e dare la propria disponibilità ad iniziare a diventare autista e a ricevere chiamare. Se si vuole smettere, sarà sufficiente mettere offline l’applicazione. Per fare domanda per diventare UberBlack, bisogna andare sul sito della società e precisamente nella sezione Diventa autista e compilare il modulo di richiesta.




L’aspirante autista Uber verrà invitato ad un appuntamento con il team della città di riferimento e dovrà presentare i documenti che riguardano l’auto e la sua professione.

I documenti in questione sono:

  • autorizzazione NCC;
  • carta di circolazione e assicurazione della vettura;
  • patente e patente professionale KB con iscrizione al ruolo di conducenti presso la Camera di Commercio.

Per guadagnare bene con questa attività, è necessario avere una presenza attiva online sull’applicazione così da essere contattati per più corse. Quanto ai guadagni, infatti, l’autista Uber guadagna l’80% della tariffa di quella corsa mentre la società trattiene una commissione del 20%. Comunque, con l’app, sia l’autista sia il passeggero sapranno quanto guadagneranno (e quanto costerà) quella corsa.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.