Youtuber, si può considerare un lavoro?


Youtuber, si può considerare un lavoro




Gli youtuber sono ragazzi e ragazze che pubblicano quotidianamente dei video sui loro canali YouTube con contenuti che trattano diverse tematiche (musica, moda, sport, cosmetica, attualità e così via) e rendono partecipi migliaia dei lori seguaci della propria vita quotidiana e di ciò che gli succede. Se preso con dedizione ed una giusta strategia insieme a competenze precise possiamo far diventare la nostra passione in un vero e proprio lavoro online redditizio.

YouTube, la famosissima piattaforma di condivisione di video, in realtà, rappresenta per loro anche una fonte di guadagno: infatti, dietro le visualizzazioni di ogni video si nascondono dei guadagni per chi carica i video.

Come si guadagna facendo lo youtuber

Un guadagno proviene dalle partnership, cioè dalle pubblicità ai prodotti che vengono nominati dagli youtuber: infatti, molte aziende contattano gli youtuber (quelli che hanno un enorme seguito), proprio per essere menzionati da loro. Anche se il vero programma di partnership si basa sui banner pubblicitari che vengono inseriti all’interno dei video.

In questo modo, i proprietari del canale possono monetizzare i contenuti prodotti e caricati su YouTube. Però, per entrare a far parte di questo programma di partnership di YouTube, è necessario che il canale abbia raggiunto 4000 ore di visualizzazione negli ultimi 12 mesi e almeno 1000 iscritti al canale.




E a livello fiscale cosa succede?

Quindi, quello degli youtuber si può considerare un vero e proprio lavoro sia per i guadagni sia per
l’impegno che questi ragazzi ci mettono ogni giorno per ideare un video (i contenuti da trattare),
montarlo e caricarlo sulla piattaforma. Molti youtuber caricano anche più contenuti al giorno con
montaggi anche piuttosto impegnativi e questo sforzo viene ripagato in base alle visualizzazione
ottenute.

Per molti, quello dello youtuber è più che altro un hobby retribuito anche perché, se i guadagni sono
bassi, non c’è bisogno di dichiararli (e ovviamente non si verseranno neanche i contributi all’INPS). Ed è
anche così che lo vedono migliaia di ragazzi che ogni giorno si dedicano a postare video per i loro
seguaci su YouTube: un hobby e un modo per raccontarsi.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.