Pagamento NASPI 2019, si può fare domanda tramite CAF?


domanda di disoccupazione 2019




Quando presentate la domanda di disoccupazione 2019 è bene controllare prima di tutto se avete i giusti requisiti richiesti dall’INPS per evitare di far perdere tempo agli sportelli e soprattutto evitate di perdere tempo voi spesso a discapito di chi i requisiti magari ce l’ha.

Domanda Naspi 2019, i requisti richiesti

Per fare domanda del sussidio di disoccupazione NASPI è essenziale che il lavoratore abbia dei requisiti:

  • abbia perso il lavoro per cause a lui non imputabili;
  • abbia maturato almeno 13 settimane di contributi nei 4 anni antecedenti al periodo di disoccupazione;
  • abbia svolto almeno 30 giorni di lavoro nei 12 mesi antecedenti al periodo di disoccupazione;
  • abbia i requisiti per lo stato di disoccupazione.

Una volta assodato che possegga tutti questi requisiti, può procedere in diversi modi per inoltrare la domanda di NASPI 2019:




  • direttamente dal sito INPS con il proprio PIN o identità digitale SPID;
  • telefonando il numero gratuito dell’INPS da rete fissa 803164 oppure da cellulare 06164164.

Fare domanda di disoccupazione al patronato o al CAF

Un altro modo è quello di fare domanda tramite CAF o Patronato: in questo caso, ovviamente, la domanda avrà un costo.

Nel senso che per presentare la domanda, il CAF o il Patronato non richiederanno nulla; tuttavia, per poter inoltrare la domanda al posto del lavoratore che richiede il sussidio, sarà necessario effettuare l’iscrizione a quel Patronato o CAF. A questo punto, il CAF o il Patronato, per il servizio svolto, avrà il diritto a trattenere una percentuale mensile dell’assegno NASPI del richiedente (la trattenuta sindacale).

Quindi, è vero che l’aiuto di un CAF o di un Patronato può essere prezioso qualora non si sia molto esperti con il PC, però bisogna anche considerare queste trattenute. A questo punto, è consigliabile seguire le guide per la compilazione della domanda NASPI 2019 presenti online e cercare di farcela da soli.

E’ essenziale, per questo fine, conoscere la documentazione da allegare alla propria domanda:

  • documento di identità valido;
  • codice fiscale;
  • autocertificazione della residenza;
  • modulo SR163 per poter ricevere i pagamenti;
  • copia del cedolino con l’IBAN;
  • nome e luogo dell’ultimo datore di lavoro;
  • data di inizio e fine del contratto di lavoro cessato;
  • recapito telefonico e email.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.