Disoccupazione, i requisiti richiesti nel 2019


Disoccupazione




La NASPI (indennità di disoccupazione) è un aiuto economico che l’INPS offre a coloro che hanno perso il lavoro involontariamente. I destinatari della NASPI sono:

  • lavoratori dipendenti;
  • apprendisti;
  • soci di cooperativa (purché abbiano instaurato un rapporto subordinato);
  • personale artistico (sempre con rapporto subordinato);
  • dipendenti a tempo determinato della Pubblica Amministrazione. 

Per poter ottenere la NASPI è necessario possedere diversi requisiti:

  • stato di disoccupazione: sono disoccupati tutti i soggetti privi di impiego che abbiano perduto involontariamente la propria occupazione.

Ci possono essere delle eccezioni, rappresentate da:

  • maternità;
  • licenziamento per giusta causa;
  • risoluzione consensuale;
  • licenziamento con accettazione dell’offerta di conciliazione proposta dal datore di lavoro entro i termini di impugnazione stragiudiziale del licenziamento;
  • licenziamento a seguito del rifiuto del lavoratore a trasferirsi presso un’altra sede della stessa azienda distante più di 50 km dalla residenza del lavoratore e/o raggiungibile in più di 80 minuti con i mezzi di trasporto pubblici.

Inoltre, è essenziale che i disoccupati dichiarino la propria immediata disponibilità allo svolgimento di attività lavorativa e alla partecipazione alle misure di politica attiva del lavoro concordate con il Centro per l’impiego. Dunque, bisogna aver dichiarato al centro per l’impiego, la DID, appunto, la dichiarazione di immediata disponibilità al lavoro. Questa può essere resa anche quando si effettua la domanda online di NASPI.

  • Requisito contributivo: sono necessarie almeno 13 settimane di contribuzione contro la disoccupazione nei quattro anni precedenti l’inizio del periodo di disoccupazione.

Si considerano anche i contributivi previdenziali, i contributi figurativi accreditati per maternità obbligatoria, i periodi di lavoro all’estero e i periodi di astensione dal lavoro.




  • Requisito lavorativo: sono necessarie almeno 30 giornate di lavoro effettivo nei 12 mesi che precedono l’inizio del periodo di disoccupazione.

Le giornate di lavoro effettivo sono quelle di effettiva presenza al lavoro, a prescindere dalla loro durata oraria.



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.