2019, meno assunzioni ma più valorizzazione delle risorse interne alle aziende


lavoro del futuro nel 2019




Le aziende italiane guardano al 2019 con titubanza e puntano sulla formazione delle proprie risorse più che su nuove assunzioni. A causa dell’incertezza economica e legislativa sulle politiche del lavoro e delle stabilizzazioni già effettuate negli anni precedenti, emerge chiara la necessità di sfruttare al meglio le potenzialità insite in ogni dipendente, lavorando in particolare sulle competenze trasversali e la capacità di lavorare in team. Questo quanto emerge dall’indagine* condotta da InfoJobs, piattaforma di reclutamento online n. 1 in Italia, insieme ad Hara Risorse Umane su un campione rappresentativo di aziende iscritte al portale, per delineare quali saranno i trend più rilevanti in tema di lavoro nel corso del 2019.

Assunzioni più caute da parte delle aziende per il 2019

Secondo l’indagine, le aziende sono pronte anche quest’anno ad assumere nuove risorse ma in modo decisamente più cauto rispetto agli anni passati. Solamente il 19,3% ha in piano di inserire molte nuove figure (vs 42,8% nel 2018), mentre il 50,2% prevede un numero limitato di assunzioni, a causa degli inserimenti avvenuti negli anni precedenti (57% dei rispondenti) oppure dell’attuale incertezza economico-politica (43%). Motivazioni valide anche per il 25% delle aziende che hanno dichiarato di non voler assumere nuove risorse nel corso dell’anno. Fortunatamente solo un 5,5% prevede una riduzione del personale a causa del perdurare della crisi del proprio settore.

Fondamentali saranno le risorse umane

In questo scenario, le Risorse Umane risultano fondamentali per aiutare a far crescere il business, puntando in primis sui talenti già presenti in azienda. Infatti, per il 74,5% delle aziende il trend più marcato che emergerà quest’anno è l’importanza di una formazione sempre più esperienziale che consenta a tutti di lavorare sulle soft skills o anche dette competenze trasversali tra cui rientrano la flessibilità e la capacità di innovazione. Dall’indagine di InfoJobs si evidenzia poi la necessità per le aziende di lavorare sull’employer branding (22,2%) sia per attrarre i migliori talenti sia per trattenere quelli già assunti e di sfruttare l’intelligenza artificiale per il processo di ricerca e selezione ma anche di sviluppo delle carriere (21,6%).




Antonio Messina, Presidente di Hara Risorse Umane

“In un mondo guidato sempre più dal digitale, dai big data e dall’intelligenza artificiale, sembra paradossale, ma la differenza la fa sempre più il capitale umano, le persone e le loro competenze. Ecco che le aziende danno sempre più valore alle soft skill. A maggior ragione in uno scenario più cauto, con la previsione di inserimenti mirati di personale, investire su una formazione esperienziale e migliorare il saper fare, il saper essere e il saper far fare delle persone interne può generare un vantaggio competitivo”, dichiara Antonio Messina, Presidente di Hara Risorse Umane.

“Avere persone aperte al cambiamento, collaborative e che sappiano “remare” insieme verso un obiettivo comune diventa primario per ottimizzare sinergie, talenti e costi. Mi sento di suggerire che le Risorse Umane debbano essere di supporto ai manager per garantire e fortificare, laddove fossero ancora flebili, le fondamenta dell’engagement dei collaboratori: far sentire le persone considerate, rispettate, ascoltate, utili e apprezzate. Si tratta di intervenire innanzitutto sulla cultura manageriale, neo di molte aziende.”

*Indagine condotta a dicembre 2018 su un campione di 190 aziende.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.