Come richiedere la legge 104 al datore di lavoro


Come richiedere la legge 104 al datore di lavoro




La legge 104 rappresenta un sussidio fondamentale per le persone che convivono con minorazione fisica, psichica che comporta un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa. Quindi è bene capire come richiedere il sussidio e inoltre è doveroso sapere diritti e doveri di chi possiede la legge 104.

Un sostegno che cerca di rendere quanto mai “normale” la vita di persone che possono contare su una serie di agevolazioni, sgravi e supporti di vario tipo come ad esempio il congedo straordinario, gli sgravi fiscali, l’indennità di accompagnamento, le pensioni di invalidità, gli assegni di invalidità e la pensione anticipata.

Legge 104 come richiedere il sussidio

Il primo passo per vedesi riconosciuta la legge 104 Inps è quello di inviare all’ente il certificato del medico di base che specifica la sussistenza di un handicap fisico o psicologico e e l’eventuale non autosufficienza del paziente.

Per presentare correttamente la richiesta legge 104 è necessario che l’interessato, entro 30 giorni dal rilascio del certificato, presenti la domanda all’Inps per il riconoscimento dell’handicap. Dopo tale scadenza il certificato medico non è più valido e deve essere rifatto. La procedura è unica per il riconoscimento sia d’invalidità, che d’inabilità, o di handicap.




È comunque necessario inviare una domanda anche al datore di lavoro, anche se questi non può sindacare sulla spettanza dei permessi. D’altro canto il datore di lavoro ha la possibilità di domandare al dipendente una programmazione dei 3 giorni di permesso, se non è compromesso il diritto di assistenza del disabile, in modo tale che le giornate di assenza siano condivise anche per programmare ad esempio la turnazione lavorativa. Inoltre è bene ricordare che non esiste una vera e propria legge che indichi la tempistica ma solamente delle circolari INPS la quale specifica:

Salvo dimostrate situazioni di urgenza, per la fruizione dei permessi, l’interessato dovrà
comunicare al dirigente 
competente le assenze dal servizio con congruo anticipose possibile con
riferimento all’intero
 arco temporale del mese, al fine di consentire la migliore organizzazione
dell’attività amministrativa”

Legge 104 Permessi: ecco a quali si ha diritto

La legge 104 Inps concede una serie di permessi e agevolazioni quali permessi lavorativi retribuiti, per
sé stesso o per i familiari che lo assistono, pari a 3 giorni al mese, frazionabili anche in modalità oraria. Il
rifiuto al trasferimento e al lavoro notturno, la priorità di scelta nella sede, se dipendente pubblico,  il
congedo straordinario retribuito e agevolazioni fiscali per l’acquisto di sussidi ed attrezzature.

 



Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.