Legge 104, il dipendente può essere licenziato o trasferito?


Legge 104, il dipendente può essere licenziato o trasferito?




La legge 104 è quella legge che consente ai lavoratori portatori di handicap o di minorazione fisica, psichica che comporta un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa, di poter usufruire di una serie importante di agevolazioni. La legge 104 si estende anche al familiare che accudisce il soggetto indicato. Ovviamente va ricordato che esistono diritti e doveri nella legge 104 che devono essere seguiti per evitare problematiche.

Legge 104 richiesta: cosa fare

Per presentare la legge 104 richiesta è necessario richiedere un certificato medico dal quale emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. In questo deve essere indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza e possono essere specificate anche altre eventuali patologie, come cecità e sordità.

L’invio deve essere assolutamente effettuato entro 30 giorni dal rilascio del certificato, per il riconoscimento dell’handicap. Dopo tale scadenza il certificato medico non è più valido e deve essere rifatto. La procedura è unica per il riconoscimento sia d’invalidità, che d’inabilità, o di handicap.

Per quanto riguarda il licenziamento se esistono i presupposti il lavoratore può essere licenziato, l’esempio più lampante è quello in cui si richiedano i 3 giorni di 104 e il dipendente invece di assistere il malato va in viaggio di piacere o in vacanza. Per quanto riguarda il trasferimento, il lavoratore non può essere trasferito in un’altra sede su decisione del datore di lavoro a meno che non sia concordata con il lavoratore stesso. Va inoltre ricordato che la Convenzione delle Nazioni Unite del 13 dicembre 2006 in materia di protezione dei disabili recita quanto segue:




Il lavoratore con la 104 può scegliere il posto di lavoro, chiedere l’avvicinamento in un momento successivo e non può più essere trasferito senza il proprio consenso

Legge 104 permessi

Una volta accertata la situazione di gravità dovuta dall’handicap è possibile usufruire di una serie di
agevolazioni: permessi lavorativi retribuiti, per sé stesso o per i familiari che lo assistono, pari a 3 giorni
al mese, frazionabili anche in modalità oraria. Il rifiuto al trasferimento e al lavoro notturno, la priorità
di scelta nella sede, se dipendente pubblico,  il congedo straordinario retribuito, per un massimo di due
anni nella vita lavorativa e agevolazioni fiscali per l’acquisto di sussidi ed attrezzature, per le spese
mediche e di assistenza specifica.

Ovviamente c’è grande attenzione da parte dei giudici a far rispettare la legge 104 e punirne tutti gli abusi ma vi può essere un giudizio solo se sia un datore di lavoro ad attivarsi. Inoltre sono stati proprio i giudici a stabilire che il licenziamento, nel caso in cui non si tratti di abuso, è illegittimo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.