Legge 104 per familiari non conviventi è possibile?


Legge 104 per familiari non conviventi è possibile?




Il riconoscimento della legge 104 può risultare di fondamentale importanza per tutte quelle persone che sono costrette a convivere con handicap, minorazione fisica, psichica che comportano un impedimento nelle relazioni sociali e nell’integrazione lavorativa.

La legge 104 Inps consente di ottenere una serie di agevolazioni che possono risultare importantissime. La legge introdotta nel 1992 garantisce la concessione dei permessi, il congedo straordinario, gli sgravi fiscali, l’indennità di accompagnamento,  le pensioni di invalidità, gli assegni di invalidità e la pensione anticipata. È bene ricordare che chi usufruisce di queste agevolazioni deve sapere che ci sono diritti e doveri legge 104 e che devono essere seguiti per evitare problemi.

Legge 104 richiesta: cosa c’è da sapere

Per ottenere le agevolazioni previsti dalle legge 104 Inps il primo passaggio da fare è quello di inviare all’ente la domanda, solo dopo aver richiesto un certificato, dal quale emerga l’esistenza di un handicap al proprio medico curante. Nel certificato deve essere indicata anche la sussistenza d’invalidità e l’eventuale non autosufficienza, inserendo se sussistono anche altre ulteriori patologia come ad esempio cecità e sordità.

Altro aspetto da tenere assolutamente in considerazione è la durata del certificato stesso. Una volta superati i 30 giorni lo stesso non è più valida superata tale soglia e  sarà quindi necessario richiederlo nuovamente.




Legge 104 permessi

Una volta accertata la situazione di gravità dovuta all’handicap è possibile usufruire di una serie di
agevolazioni quali: permessi lavorativi retribuiti, per sé stesso o per i familiari che lo assistono, pari a 3
giorni al mese. Per quanto concerne proprio questo aspetto i permessi retribuiti spettano al coniuge
convivente del portatore di handicap grave, al padre o alla madre anche adottivi in caso di mancanza,
decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, ad uno dei figli conviventi anche
adottivi in caso di decesso, mancanza o in presenza di patologie invalidanti del padre e della madre, ad
uno dei fratelli o sorelle conviventi in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti
dei figli conviventi.

Per i permessi legge 104 per parenti non residenti, la legge prevede che si possa richiedere la 104 ma a
condizione che i comuni di residenza non siano distanti più di 150 chilometri. Inoltre chi usufruisce del permesso legge 104 dovrà certificare l’effettivo raggiungimento del familiare con diasbilità.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.