Azienda agricola e fondi europei, come è possibile ottenerli


Azienda agricola e fondi europei, come è possibile ottenerli




In questi anni, il settore primario sta riscoprendo una lieve crescita. Probabilmente dovuto alla tendenza moderna di spingersi verso diete vegetariane/vegane e acquistare prodotti bio, l’agricoltura vede molti giovani affacciarsi in questo settore per quanto riguarda non solo il lavoro nei campi, ma anche l’apertura di una vera e propria azienda agricola.

Per questo motivo si sente parlare di finanziamenti e agevolazioni per aziende agricole fiorenti. Considerando che esistono persino e-commerce agricoli oramai da qualche anno, gli enti pubblici hanno ritenuto opportuno dare rilievo al settore primario, considerando sgravi e finanziamenti di vario tipo.

Azienda agricola: il bonus agricoltori

Una fra le novità è il fatidico Bonus Agricoltori. Tale bonus offre uno sgravio totale dei contributi agricoli Inps. Con tale sgravi i giovani che desiderano inserirsi all’interno del settore agricolo, aprendo una vera e propria impresa, possono essere esonerati dai contributi Inps.

Il fatto che risultano esenti al 100% nei primi 3 anni di attività risulta un vantaggi non da poco, tenendo di conto che in precedenza queste agevolazioni non erano presenti. Successivamente, dal quinto anno in poi la detrazione sarà del 50%.




Bando ISMEA e “Resto al Sud”

Altre due agevolazioni agricole riguardano il bando ISMEA ed il programma Resto al Sud. Mentre il
bando ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) da a disposizione dei giovani che
intraprendono attività agricole più di 65 milioni di euro, il programma Resto al Sud offre un
finanziamento a fondo perduto per coloro che avviano attività agricole nelle regioni del sud Italia (Sicilia,
Sardegna, Abruzzo, Molise, Puglia, Basilicata, Calabria e Campania).

È possibile anche usufruire dell’abolizione dell’Irpef agricola. Nello specifico, l’abolizione dell’Irpef
agricola è rivolta ai coltivatori diretti e agli imprenditori agricoli professionali. Da notare inoltre che tale
abolizione otterrà uno sgravio che porterà all’esonero completo per tale tassa in 3 anni. Naturalmente
le sedi pubbliche più vicine alla propria abitazione sapranno fornire tutte le informazioni necessarie per
richiedere tali agevolazioni economiche.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.