TFR in busta paga, stop ai pagamenti mensili: da luglio si torna al fondo


TFR in busta paga, stop ai pagamenti mensili: da luglio si torna al fondo




Per quanto riguarda la riscossione del fatidico Trattamento di Fine Rapporto, dal prossimo giugno 2018 ci sarà uno stop del pagamento del Tfr mensile in busta paga. Fino a tale data di scadenza sarà possibile riscuoterlo, altrimenti il tutto verrà indirizzato all’interno di fondi pensione complementari.

Questa operazione è stata studiata per rendere le riscossioni più flessibili, soprattutto per quanto riguarda gli indennizzi pensionistici. Vediamo nello specifico quali vantaggi può portare il trasferimento del Tfr dalla busta paga al fondo pensionistico.

Trattamento di Fine Rapporto e pagamenti, stop al TFR in busta con tassazione ordinaria

Le nuove disposizioni per quanto riguarda la riscossione del Tfr indicano quindi che tale indennizzo verrà erogato solo alla fine dei rapporti di lavoro. Sembra che la nuova Legge di Stabilità abbia cambiato questa modalità di riscossione per motivi organizzativi (anche se tutt’ora è sempre possibile destinare parte del Tfr in busta paga).

Non è tuttavia chiaro se destinare il Tfr al fondo pensionistico possa portare effettivi vantaggi al lavoratore. Senz’altro, per quanto riguarda l’organizzazione del contratto, può essere vantaggioso, in quanto il Tfr che si accumula durante gli anni verrà poi riscosso in pensione e inoltre il TFR non sarà sottoposto a tassazione ordinaria. Da considerare che se si richiede il Tfr in busta paga si rischia poi di subire i cambiamenti della nuova Legge di Stabilità.




Senz’altro, il “vantaggio” vero e proprio è quello di poter scegliere (al momento) se versare i propri fondi dedicati al Tfr in busta paga o dedicarli al fondo pensionistico. Questo, naturalmente, è possibile farlo fino a giugno 2018.

Consigliamo ai lavoratori, dipendenti e indipendenti, di chiedere consiglio al proprio commercialista.
Un consulto professionale può senz’altro aiutare a capire se è opportuno continuare a considerare il Tfr in busta paga
o se vale la pena aspettare i nuovi esiti legislativi.

 

 




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.