Lavoro domestico a chiamata come utilizzare i voucher


Lavoro domestico a chiamata come utilizzare i voucher




Negli ultimi anni all’interno del mondo del lavoro domestico e non solo  sono subentrati, con un vero e proprio boom, i famosi voucher, ossia tagliandi del valore di 10 euro che equivalgono ad un’ora lavorativa prestata dal lavoratore in caso di lavoro domestico inps.

Tra questi rientrano diverse categorie di lavoratori, quali ad esempio le colf, chiamate per riassettare casa e fare le pulizie, le badanti, chiamate anche occasionalmente in caso di malattia acuta di un caro,  o le baby sitter. In quest’ultimo caso, le ultime normative previste per il sostegno alla famiglia hanno messo a disposizione, per le donne che, allo scadere della maternità obbligatoria, hanno rinunciato al congedo parentale e hanno deciso di rientrare al lavoro, una somma sotto forma di voucher da utilizzare per pagare la baby sitter senza avere un regolare contratto da lavoratore domestico.

Lavoro domestico, possibile pagarlo con i voucher?

Un aiuto sostanzioso per le donne che  negli anni hanno perso sempre di più il coraggio di fare figli, sia per l’impegno economico che comporta, sia per quanto riguarda la difficoltà a conciliare l’attività lavorativa con la cura della casa e dei figli. La somma messa a disposizione dallo Stato è di 3600 euro, ossia 600 euro al mese per 6 mesi.

Ovviamente la cifra è intesa lorda, in quanto per i contributi lavoro domestico si detrae circa il 25%.
Per assumere una baby sitter non è obbligatorio il lavoro domestico contratto qualora vengano utilizzati
i voucher, ma è sufficiente dichiarare sul sito dell’inps il rapporto lavorativo, inserendo i dati del
lavoratore scelto. Per quanto riguarda le altre categorie di lavoratori, invece, i voucher possono essere
acquistati online sul sito dell’Inps, così come nelle sedi dislocate sul territorio.




E’ inoltre possibile acquistare i voucher al tabacco, mentre per essere riscossi il lavoratore può recarsi
in posta. Ovviamente l’utilizzo dei voucher è consigliabile per rapporti di lavoro che non siano a lungo
termine, mentre per il lavoro domestico a tempo indeterminato è preferibile stipulare un vero e
proprio contratto.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.