Collaboratrice domestica, come regolarizzare questa figura


Collaboratrice domestica




La collaboratrice domestica è quella figura che presta aiuto nelle faccende domestiche familiari. Che si abbia poco tempo da dedicare alle pulizie o alle altre faccende in casa o non si sia più in grado di portare a termine determinati compiti casalinghi, la collaboratrice domestica è una preziosa aiutante per molte persone che decidono di assumerne una.

Come regolarizzare la collaboratrice domestica

Per regolarizzare la collaborazione con la collaboratrice domestica, è necessario sapere che questa figura rientra nella categoria dei lavoratori domestici, cioè di coloro che prestano il loro servizio con lo scopo di far funzionare la vita familiare. Regolarizzare la sua posizione, vuol dire tutelare la persona in caso di infortuni, incidenti o imprevisti che possano insorgere.

Regolarizzando la posizione della lavoratrice, ovviamente, si assisterà ad un incremento della spesa da sostenere che comprenderà, oltre al costo orario, anche i contributi INPS, la tredicesima e il TFR.

Prima di assumere la collaboratrice domestica, è necessario che il datore di lavoro reperisca tutti i documenti attestanti la provenienza del lavoratore e, successivamente, stipulare il contratto scritto in forma privata. A questo punto, l’INPS aprirà una posizione assicurativa e inizieranno ad essere versati i contributi.




I diversi tipi di prestazione che la collaboratrice domestica potrà svolgere sono:

  • prestazioni su chiamata (al massimo 400 giornate in 3 anni): possibili solo per le persone che hanno un’età inferiore ai 24 anni o superiore ai 55 anni.

Possono essere a tempo determinato o indeterminato.

  • Contratto per collaborazione esterna (Co.Co.Co.): in questo caso, la prestazione può essere eseguita in forma continuativa.
  • Contratto a tempo determinato: in questo caso, la data di scadenza del contratto deve essere stabilita sin dal primo giorno di contratto.

Ancora, si potrà decidere di ricorrere ad una collaboratrice domestica per qualche ora al giorno (anche per più giorni a settimana) in specifici orari della giornata, utilizzando il part-time classico.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.