Collaboratrice domestica in nero, cosa si rischia


Collaboratrice domestica




Assumere una collaboratrice domestica “in nero” e cioè senza regolare contratto, può comportare dei rischi per il datore di lavoro. Il datore di lavoro, infatti, ha l’obbligo di assumere regolarmente la collaboratrice domestica, pena l’essere responsabile personalmente per il lavoro in nero.

Collaboratrice domestica, tutelarsi prima di tutto

Il datore di lavoro deve:

  • comunicare l’assunzione all’INPS: infatti, nel caso di omissione o di ritardata comunicazione, rischia una sanzione amministrativa che va dai 200 ai 500 euro per ogni lavoratore;

Il datore di lavoro ha anche l’obbligo di comunicare la trasformazione o la cessazione del rapporto di lavoro.

  • Procedere all’iscrizione del lavoratore all’INPS: in caso contrario, la sanzione da parte della Direzione Provinciale del Lavoro va dai 1500 euro ai 12 mila euro per ogni lavoratore in nero (maggiorata di 150 euro per ciascuna giornata di lavoro effettivo);
  • versare i contributi previdenziali: in caso di omissione, le sanzioni sono pari al tasso del 30% su base annua calcolate sull’importo dei contributi evasi con un massimo del 60% e un minimo di 3000 euro, indipendentemente dalla durata della prestazione lavorativa accertata.

Ritardo dei contributi, cosa succede?

Se il pagamento dei contributi avviene con un ritardo di meno di 12 mesi, le sanzioni si riducono per un massimo del 40% sull’importo dovuto nel trimestre o sulla cifra residua da pagare. Nel caso in cui la collaboratrice domestica non avesse il regolare permesso di soggiorno, alle sanzioni già viste si aggiungerebbero l’arresto (da tre mesi ad un anno) e un’ammenda di 5000 euro per ogni lavoratore impiegato.




Per risparmiare sui contributi da versare, molte famiglie dichiarano che il rapporto di lavoro domestico viene svolto per un numero di ore inferiore rispetto a quello effettivo: tuttavia, in caso di controversia alla fine del rapporto di lavoro, la collaboratrice domestica potrà richiedere la regolarizzazione e il versamento di tutti i contributi dovuti.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.