Collaboratrice domestica, cosa accade se si riceve una vertenza


Collaboratrice domestica




Quando si assume una collaboratrice domestica, il consiglio è, dunque, quello di essere in regola (cioè deve sussistere un contratto ed essere dichiarato all’INPS e deve essere comunicata l’assunzione all’INPS entro la mezzanotte del giorno precedente a quello dell’inizio del rapporto di lavoro). Un contratto di lavoro con collaboratrice domestica può essere anche fatto in forma orale ma la forma scritta permette di dimostrare le mansioni svolte, le ferie, le malattie e così via.

Collaboratrice domestica, cosa succede in caso di vertenza

Devono essere, poi, versati regolarmente i contributi all’INPS e non solo quelli per l’effettivo orario di lavoro ma anche quelli dovuti alla Cassa malattia. Infatti, nel caso in cui il lavoro della collaboratrice domestica fosse in nero, potrebbero sorgere dei problemi nel momento dell’interruzione del rapporto di lavoro.

La collaboratrice domestica, infatti, potrebbe fare vertenza contro il datore di lavoro: con il termine “vertenza” si fa riferimento ad uno strumento di tutela che una collaboratrice domestica (o un altro lavoratore) può utilizzare per far valere i propri diritti lesi dal datore di lavoro (ad esempio per segnalare, appunto, che il proprio lavoro viene prestato “in nero”).

Le omissioni contributive

Come conseguenza della vertenza, il datore di lavoro, in caso di omissioni contributive, dovrà pagare una sanzione per ogni lavoratore pari al tasso del 30% su base annua calcolate sull’importo dei contributi evasi con un massimo del 60% e un minimo di 3000 euro, a prescindere dalla durata della prestazione lavorativa accertata. In poche parole, se la collaboratrice domestica ha prestato anche solo una giornata di lavoro “in nero”, il datore di lavoro dovrà pagare una sanzione abbastanza gravosa (quella minima, come visto, è di 3000 euro).




Per evitare la vertenza, dunque, un consiglio è quello di rivolgersi ad un CAF o ad un commercialista per l’elaborazione della busta paga e di quanto spetterà alla collaboratrice domestica per la fine del lavoro, anche se ha lavorato in nero.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.