Collaboratrice domestica, che tipo di contratto utilizzare


Collaboratrice domestica




Sempre più persone decidono di assumere una collaboratrice domestica che aiuti nelle faccende di casa. Molto spesso, infatti, non si è più in grado di svolgere quest’attività oppure non si riesce ad occuparsene per mancanza di tempo. I lavoratori domestici sono tutti quei lavoratori che prestano il loro servizio a favore della vita familiare (badanti, colf, cuochi, autisti, babysitter).

La tutela della collaboratrice domestica in casa

Le collaboratrici domestiche, nello specifico, si recano in casa a svolgere le faccende domestiche per diverse ore al giorno, in base alla necessità del committente. Prima di assumere una collaboratrice domestica, entrambe le parti (datore di lavoro e lavoratrice) devono adempiere a diversi obblighi come quello di reperire i documenti circa la provenienza e la cittadinanza del lavoratore.

Dopo aver raccolto queste informazioni, si potrà stipulare un contratto in forma scritta e privata: il contratto che regola il rapporto tra un datore di lavoro privato e un collaboratore familiare è il contratto di lavoro domestico. Può essere definita un’assunzione a tempo determinato o indeterminato e le parti potranno recedere in ogni momento, rispettando il periodo di preavviso.




Ad ogni modo, elementi obbligatori all’interno del contratto sono:

  • mansioni da svolgere;
  • orario di lavoro;

Può essere definitivo un contratto a tempo pieno (40 ore settimanali) o part time.

  • Retribuzione spettante;
  • concessione o meno del vitto e dell’alloggio;

A questo proposito, il collaboratore potrà lavorare presso l’abitazione del datore o dei suoi familiari stretti. Potrà, altresì, abitare in casa del datore di lavoro oppure recarsi di volta in volta a casa sua.

  • Ferie riconosciute;
  • riservatezza (per tutelare la privacy della famiglia).

Per completare il documento, sono necessari altri dati del datore di lavoro e del domestico. Il datore di lavoro ha anche l’obbligo di comunicare all’INPS (entro i tempi stabiliti) il sorgere del rapporto di lavoro (così come la sua trasformazione o cessazione).




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.