Legge 104, trasferimento sul lavoro è possibile?  


Legge 104, trasferimento sul lavoro è possibile?  




La legge 104 comprende quell’insieme di norme che regolano la fruizione dei permessi retribuiti dal lavoro (nel caso di lavoratori dipendenti che debbano assentarsi dal lavoro perché portatori di handicap oppure per assistere parenti e affini con handicap grave e certificato, entro un determinato grado).

Questa legge fondamentale, la cui entrata in vigore risale al 1992, è di notevole importanza perché
regola un settore – quello lavorativo – che è fondamentale nella vita di tutti i giorni. Senza la disciplina
contenuta nella legge 104 (e prima che questa entrasse in vigore), i diritti spettanti al lavoratore
portatore di handicap oppure i benefici diretti al lavoratore dipendente (che avesse voluto assistere un
parente, familiare o affine con handicap grave) erano veramente esigui e lasciavano i datori di lavoro ed i rispettivi lavoratori dipendenti in una situazione caotica, di libero arbitrio, dove la decisione riguardante la concessione o meno dei permessi retribuiti era a completa discrezione del datore di lavoro.

Si venivano, quindi, a creare disuguaglianze ed i lavoratori senza handicap risultavano avvantaggiati nella normale vita quotidiana e nello svolgimento delle mansioni lavorative.

Legge 104, è possibile il trasferimento?

Numerosi sono i diritti che la legge 104 attribuisce ai lavoratori dipendenti: i più considerevoli sono la
possibilità di scegliere la sede di lavoro più vicina alla dimora del parente (o affine) destinatario
dell’assistenza (e quindi portatore di handicap), ma anche la possibilità di usufruire di tre giorni di
permesso –retribuito – dal lavoro ogni mese.




Per beneficiare dei diritti conferiti da questa legge sono necessari, brevemente, tre requisiti:

  • essere lavoratori dipendenti (non autonomi);
  • essere portatori di handicap;
  • avere parenti (o affini) con handicap grave e certificato dall’ASL.

Uno dei doveri in capo al datore di lavoro è proprio quello di astenersi dal trasferimento del lavoratore
dipendente impiegato presso la sua azienda: il datore di lavoro non può trasferire un lavoratore
dipendente (da una sede di lavoro ad un’altra) che sia in possesso di handicap oppure che assista un
parente (o affine) portatore di handicap grave e certificato.

 

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%





Загрузка...

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.