Legge 104, il datore di lavoro la può negare?


Legge 104, il datore di lavoro la può negare?




La legge 104 comprende quel complesso normativo che regola la fruizione dei permessi retribuiti dal lavoro per un lavoratore assunto con contratto di lavoro dipendente, in modo tale che questo possa assistere un parente (o affine) con handicap grave oppure se è egli stesso portatore di handicap. Una volta seguita la trafila di adempimenti legali e burocratici richiesti affinché il lavoratore richieda ed usufruisca dei diritti di questa legge, sarà necessario presentare la domanda (di permesso retribuito dal lavoro) al proprio datore di lavoro. Prima di tutto è bene sapere che esistono dei diritti e dei doveri nel contratto di lavoro legge 104.

Legge 104, si può negare?

Quest’ultimo non la può negare: se tutti gli adempimenti ed i requisiti sono stati rispettati il datore di
lavoro ha l’obbligo di concedere al suo lavoratore dipendente:

  • tre giorni di permesso retribuito (ogni mese), per assistere il parente – o affine – con handicap
    grave e certificato;
  • oppure il diritto di scelta della sede di lavoro (e quindi anche l’eventuale rifiuto al trasferimento);
  • congedo straordinario retribuito (di due anni al massimo);
  • congedo parentale (per un massimo di tre anni);
  • la possibilità di conversione del lavoro da full time a part time.

Questi, in breve, sono i diritti che la legge 104 conferisce ai lavoratori e, all’inverso, i doveri spettanti al
datore di lavoro. Ovviamente i lavoratori in questione devono essere in possesso di determinati
requisiti come, per esempio, l’essere portatori di handicap grave, essere stati assunti con un contratto
di lavoro “dipendente”, oppure qualora si manifesti la necessità del dovere di assistenza nei confronti di
un parente – o affine – con handicap grave.

La richiesta per ottenere i permessi retribuiti, previsti dalla legge 104, deve, però, essere presentata per tempo, in modo tale da permettere al datore di lavoro di organizzarsi al meglio. Si ricordi che tra i doveri del datore di lavoro c’è anche quello di favorire l’assunzione, presso la propria azienda, di lavoratori portatori di handicap o disabilità.







Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.