Cassa Integrazione in deroga cosa cambia nel 2018


Cassa Integrazione in deroga cosa cambia nel 2018




La cassa integrazione in deroga 2018 è il contributo a sostegno che viene assegnato ai lavoratori che non possono usufruire della cassa integrazione ordinaria. Un ammortizzatore sociale fondamentale per coloro che hanno perso il lavoro e che nel corso degli anni ha subito alcune variazioni sia come durata che come termini di accesso.
Per quanto riguarda quest’anno ci sono state alcune modifiche alla cassa integrazione 2018 e che andremmo a vedere.

Cassa integrazione in deroga le novità e i cambiamenti del 2018

Prima di tutto partiamo dalla retribuzione che ricordiamolo è dell’ 80% dello stipendio compresi le mensilità aggiunte che il lavoratore avrebbe percepito per le ore di lavoro non prestate tra le ore zero e il limite orario del contratto ma che non può superare le 40 ore settimanali.
Inoltre la cifra non dovrà superare il tetto che ogni anno viene stabilito. Tra le cose da sapere è che il lavoratore in cassa integrazione in deroga o CIGD, può svolgere mansioni e prestazioni di lavoro accessorio a patto che non superi i 3000 euro l’anno, limite massimo annuale.
Come in precedenza nel caso un lavoratore in cassa integrazione in deroga 2018 venga trovato a lavorare senza averne dato comunicazione all’INPS, questo farà si che decada immediatamente il sussidio perdendo di fatto l’ammortizzatore sociale.

Cassa integrazione in deroga gli importi

Attualmente non è ancora uscita la circolare INPS con i nuovi conteggi per il 2018. Infatti non si conosce quale sia l’integrazione salariale 2018 che però uscirà a breve.
Nel frattempo riassumiamo in una tabella l’ultimo aggiornamento relativo all’importo del 2017

Trattamenti di integrazione salariale
Retribuzione (euro) Tetto Importo lordo (euro) Importo netto (euro)
Inferiore o uguale a 2.102,24 Basso  971,71  914,96
Superiore a 2.102,24 Alto  1.167,91 1.099,70 

 




 Trattamenti di integrazione salariale – settore edile (intemperie stagionali)
Retribuzione (euro) Tetto Importo lordo (euro) Importo netto (euro)
Inferiore o uguale a 2.102,24 Basso  1.166,05  1.097,95
Superiore a 2.102,24 Alto  1.401,49    1.319,64 

Ricordiamo che la cassa integrazione in deroga è un sussidio acquisito che può essere revocato nel
caso il lavoratore non partecipi alle politiche attive riguardanti il mercato del lavoro. Ad esempio nel
caso che un lavoratore in cassa integrazione si rifiutasse di partecipare ai corsi regionali sia di
formazione che di riqualificazione o che non le frequenti in modo regolare senza un motivo giustificato,
l’INPS interromperà l’indennità di pagamento.




Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.